“AMICO MIO CARISSIMO, se fossi stato lì magari avrei coperto il raggio di sole che ha oscurato il

L’affetto dei nostri amici pelosi, a quanto pare non conosce neanche specie. Il terribile incidente i cui è rimasto vittima il giovane ciclista italiano Michele Scarponi ci porta a conoscenza di questo toccante dettaglio. Il famoso 37enne, che avrebbe tra poco preso parte al Giro D’Italia è stato travolto da un furgone, in curva a soli 100 metri dalla casa, proprio al rientro dall’allenamento.

Il conducente, sembra sia stato abbagliato dal sole e ha preso in pieno Scarponi. Michele percorreva quelle lunghe strade con un amico a lui tanto caro, insolito devo dire, spesso capita cane e gatto….

Guardate un po…Un pappagallo, Franky si chiama. E’ di proprietà del suo vicino che lo ha addestrato in modo esemplare, ma con Michele aveva un rapporto particolare. Amava accompagnarlo nelle sue pedalate, era spesso stato fotografato e aveva strappato centinaia di sorrisi…ma quel triste giorno non era con lui.

Mentre la camera ardente allestita al Palazzetto dello sport di Flittorano è gremita di gente qualcuno lo nota sul posto della tragedia e lo fotografa pubblicando l’immagine. Purtroppo non strappa più sorrisi ma lacrime a tutti.

Su quel segnale sta dando l’addio al suo amico e starà sicuramente pensando che avrebbe voluto coprire con le sue ali il raggio di sole che ha distratto il conducente per far si che lo vedesse…avrebbe scelto se avesse potuto ma il destino si compie in un misero istante.

Gli animali sono qualcosa per noi di irraggiungibile, inutile cercare di paragonarci a loro, perdiamo in partenza. Addio campione da tutti noi, Franky piangerà a lungo il suo amico, lo aspetterà sul pilastro del cancello come sempre….