Cane senza orecchie trova un amico speciale

Stavolta non ci sono orchi o mostri… si tratta solo di un incidente ma ve lo vogliamo raccontare per mettervi in guardia di quello che potrebbe succedere se non state attenti. Tammy e Brad sono due giovani che amavano molto i loro due cuccioli, Smokey e Scooby. Quel giorno dovevano fare la spesa e avevano deciso di portarli con loro.

Nel negozio, però, i cani non erano ammessi e così hanno deciso di lasciarli dentro il loro furgoncino, parcheggiato davanti al negozio, all’ombra. Si trattava di un oretta… e fuori era fresco quindi i cani non rischiavano il colpo di calore. Hanno lasciato i finestrini un po’ aperti, un po’ di acqua e sono entrati nel negozio. Ma non pensavano di mettere la vita dei loro cuccioli in pericolo.

Non molto dopo, hanno visto la gente correndo verso l’uscita del supermercato. Si sono diretti anche loro verso l’uscita e hanno scoperto quello che tutti indicavano: c’era una macchina in fiamme… la loro. Si sono precipitati verso il furgone e, a pochi metri di distanza, hanno trovato Smokey, che era riuscito ad arrampicarsi sul finestrino e salvarsi. Dentro era rimasto Scooby, però. Brad ha aperto lo sportello e l’ha trovato. Il fuoco lo aveva raggiunto e gli aveva bruciato le orecchie, le zampe e il musetto. Ma era vivo e i due si sono precipitati in clinica BluePearl Veterinary Partners.

I medici hanno fatto di tutto per salvargli le orecchie ma, purtroppo, sono stati costretti ad amputarle. Da questa brutta avventura, però, Scooby ha guadagnato un amico. In clinica c’era una Hello Kitty, un peluche senza un’orecchio. Un cucciolo ospite della clinica lo aveva strappato a morsi e le infermiere lo avevano conservato. Scooby si è innamorato di questo peluche… e quando è tornato a casa con al sua famiglia se l’ha portato con sé. Un regalo fatto con tutto il cuore per aiutarlo a superare il trauma.

Non si sa perché il furgone abbia preso fuoco… a detta dei vigili del fuoco si è trattato di un corto circuito o di una sigaretta buttata da un passante… ma questa storia ci insegna che una distrazione di un attimo può causare la morte dei nostri amici a 4 zampe. Ecco perché è meglio non lasciarli incustoditi…