Cosa fare se hai perso il gatto

olitamente si parla e si legge di tutto quello che occorre fare quando si ha la sfortuna di aver perso un cane, ma se si perde il gatto come ci si deve comportare? Ci sono prassi burocratiche da espletare che ci potrebbero aiutare? In concreto come ci si deve muovere per ritrovare prima possibile il nostro amato pet?

Procedura da seguire se hai perso il gatto

Rispetto alla procedura da seguire se si è perso un cane, quella da rispettare in caso di scomparsa del gatto è senza dubbio più semplice: sostanzialmente non c’è ancora l’obbligo di avvisare i Vigili, ma se il gatto di cui si sono perse le tracce ha un microchip, sarebbe comunque consigliabile avvertire almeno i Servizi Veterinari, i gattili e anche i canili di zona, l’Ordine dei Veterinari, le associazioni cinofile e nel caso anche i vari veterinari di zona che potrebbero molto più facilmente avvertirci del ritrovamento.

Fossilizzarsi sul fatto che il gatto abbia o meno il microchip forse non è poi cosa cosi importante: in realtà, infatti, sarebbe bene fare la medesima cosa anche se il gatto non lo possiede, più persone si avvertono e maggiore sarà la probabilità di ritrovare il gatto.

Nell’era moderna mai come in questa brutta situazione bisogna poi non sottovalutare l’importanza che potrebbero avere i social network, una perfetta vetrina e un veicolo sempre molto efficace per fare appelli e per ottenere dei risultati immediati.

ho-perso-il-gatto
Il nostro gatto si è perso

Alcuni consigli utili

1- Metti subito un annuncio sul tuo profilo Facebook con una foto recente, nome del gatto, data e ora di smarrimento, la via in cui si è smarrito, il carattere (se è un gatto che si fa avvicinare o meno) e un numero di cellulare da chiamare in caso di avvistamento o ritrovamento. Tagga gli amici della zona e chiedi di condividere la foto.

2- Inizia subito le ricerche fisiche: in questo modo è più probabile che il gatto non abbia già percorso molta strada e più vicino a casa sarà senza dubbio più facile trovarlo.

3- Porta una torcia con te: non si sa mai, lì per lì dall’agitazione non ci potresti giustamente pensare, ma un oggetto simile potrebbe esserti molto utile… non dimenticarlo!

4- Quando lo cerchi usa un tono di voce calmo: cammina chiamandolo in continuazione, considera che lui potrebbe essere molto spaventato e solo un tono di voce calmo e placato lo potrebbe spingere ad arrivare verso di te. Se sente la tua voce può uscir fuori dal nascondiglio nel quale è finito.

5- Fai pause regolari: ogni tanto fermati e ascolta, ascolta tutti i rumori, alcuni potrebbero essere preziosi indizi. Potrebbe miagolare intrappolato da qualche parte…

6- Crea subito dei volantini: fallo con foto ben visibile e con il nome del gatto e il numero di telefono, mettine anche più di uno, non si sa mai, e soprattutto, anche se non dovrebbe davvero servire offrire una ricompensa a chi lo ritroverà, non è il caso di guardare troppo per il sottile! Mettili in tutti i posti vicini al luogo dello smarrimento e negli ambulatori veterinari della tua città. Metti il volantino dentro una busta di plastica ben sigillata, altrimenti alla prima pioggia non si leggerà più.

7 – Cerca di andare ogni giorno alla stessa ora a cercarlo, i gatti sono molto abitudinari anche quando smarriscono la via di casa.

8 – Posiziona ciotole di cibo e acqua nel luogo dello smarrimento: lui cercherà comunque nei prossimi giorni un punto di riferimento e prenderà quello del cibo che trova.

Ascoltate tutti i rumori della strada: potrebbe essere intrappolato da qualche parte!

Cosa devi fare se vai alla ricerca del tuo gatto

Ricordati di portare con te il suo trasportino, una coperta e una delle sue scatolette preferite da aprire nel momento della ricerca, potrebbe essere un odore familiare che lo riporta da te.

Porta anche dei croccantini tenuti in una scatola semi vuota in modo da far rumore con essi tentando di attirare la sua attenzione.

Per quanto tempo devi cercare il gatto?

Il gatto non ha tempi, mai perdere le speranze: a volte rimangono fuori casa molto a lungo e a volte di loro iniziativa. Cercalo sempre e purtroppo fallo anche là dove non vorresti mai trovarlo, tipo nei fossi e lungo le strade: è bruttissimo, l’ultima cosa da augurarsi, ma lo avresti comunque ritrovato e potresti dargli una degna sepoltura. Purtroppo è un’ipotesi tra le tante più fortunate e positive.

Cercalo anche molto lontano da casa perché al gatto piace farsi lunghi tragitti alla scoperta di cose nuove, non perdere mai la speranza! Ci sono gatti che sono stati ritrovati dopo mesi, alcuni anche dopo un anno, non abbandonarlo e continua le ricerche!

Se poi possiedi un gatto abituato a girare anche fuori casa tieni presente che esistono dei veri e proprio gps localizzatori per gatti: ne puoi trovare di tutti i tipi e con tantissime funzioni differenti e ancora con tanti prezzi diversi. Su internet è facilissimo prendere informazioni e fare confronti tra tantissimi modelli.

Qui semplicemente il link diretto alla pagina dello shopping che compare facendo una ricerca su Google: gps per gatti. Guarda cosa attira la tua attenzione e prendi informazioni utili, potrebbe essere un buon aiuto per prevenire il problema.

 

di Cristina Saglietti