I tre cani sopravvissuti alla tragedia del Titanic

Sono passati più di 100 anni da quando il tragico episodio del Titanic, è diventato il più famoso dramma della storia, accaduto in mare. La famosa nave si è schiantata contro un iceberg, portando la morte di più di 1500 persone e, anche se non è stato raccontato e non l’avete visto nel film, anche quella di alcuni animali. Sulla barca erano imbarcati 12 cani, tutti appartenenti ai passeggeri della prima classe.

Siamo sicuri che questa per voi sia una notizia nuova, scoperta dopo più di 100 anni, beh ma si sa, secondo voi in una tragedia del genere si pensa agli animali? Magari quando è accaduto si, ma nella storia, nelle carte che verranno tramandate, nei film da premio oscar, cosa c’entrano gli animali? Di questi 12, 9 sono morti ma i restanti 3 sono sopravvissuti. Due spitz tedeschi e un pechinese, due razze molto piccoli e quasi impercettibili durante una tale strage.

Uno dei sue spitz si chiamava Lady, apparteneva a Margaret Bechstein Hays, una ragazza di 24 anni di New York che, mentre veniva messa in salvo sulla barca 7, ha pensato di aggrapparsi al suo cane, così da portarlo con se. Per quanto riguarda l’altro spitz, il suo nome è tutt’oggi sconosciuto ma sappiamo che apparteneva a Martin Rothschild e Elizabeth Jane Anne Rothschild. L’uomo è morto ma sua moglie è riuscita a salire a bordo della barca 6 con il cucciolo nascosto. Inizialmente, l’equipaggio della Carpathia, che salvo i sopravvissuti del Titanic, si è rifiutato di far salire l’animale ma poi, probabilmente vedendo il cuore a pezzi della donna, gha cambiato idea.

Il pechinese invece si chiamava Sun Yat-Sen e i suoi umani Harper e Row. Marito e moglie sono riusciti ad imbarcarsi sulla barca n. 3, insieme al cane. Secondo quanto riportato nessuno ha fatto obiezioni al riguardo. Tutti gli altri cani morti a bordo della grande nave, non sono mai stati identificati, si presume fossero 12 ma stabilire il numero esatto è stato impossibile.

Uno dei passeggeri, Ann Elizabeth Isham, una donna di 50 anni, è diventata famosa dopo aver rifiutato di lasciare il Titanic senza il suo cane, che non poteva essere collocato nella scialuppa di salvataggio perché troppo grande. Il corpo di Elizabhet è stato trovato senza vita, vicino a quello del suo cane, nel mare. Altri umani, difficili da convincere, hanno abbandonati i propri cani sulla nave, in cambio i somme di denaro.

L’esposizione delle fotografie dei cani presenti sul Titanic stata fatta, per la prima volta, durante la mostra alla Widener University della Pennsylvania, in cui sono stati celebrati 100 anni dal giorno del dramma.

Il fatto che ai cani di grande taglia non è stato permesso di salire a bordo è davvero incredibile ma sappiamo che in questi cani, la vita umana viene messa al primo posto. Siamo contenti però che questi 3 cuccioli abbiano fatto e faranno sempre parte della storia. Condividete la loro foto, quasi nessuno sa della loro presenza e noi vogliamo che siano ricordati, insieme a tutte quelle vittime del Titanic.