Il salvataggio di Blue

I cani randagi sono milioni in Grecia e, visto che di sicuro la mentalità della maggior parte delle persone non cambierà in poco tempo, ce ne saranno tanti altri negli anni a venire. Blue, la protagonista della nostra storia, è una dei tanti ed è stata fortunata a trovare una persona col cuore grande che l’ha accolta subito nell’agosto del 2016.

La donna era in vacanza in un piccolo villaggio sul mare, a circa 150 km da Atene: una vacanza in periferia non sempre è felice, soprattutto se si deve evitare di tornare a casa portando con sé una dozzina di cani randagi. Ogni pomeriggio camminava con i cani che aveva incontrato sulla spiaggia: all’ora del tramonto non c’era nessuno e aveva tutta la spiaggia, di circa 16 chilometri, tutta per lei.

Un pomeriggio come tanti vide lei, la nostra Blue, che veniva verso di lei scodinzolando. L’aveva vista da molto lontano e, siccome stava cercando disperatamente compagnia, si era unita all’allegra compagnia di cani. Il panico era vicino: un’amante degli animali come lei, in Grecia, doveva limitarsi a portare in giro i cani randagi e scegliere di salvare solo quelli che non ce l’avrebbero fatta da soli.

Blue non era nulla di tutto ciò: aveva almeno 7 mesi, era in buona salute e quindi non era una “priorità”. Ma aveva un qualcosa che le rendeva la vita da randagia molto vulnerabile: era alla disperata ricerca di attenzioni e cercava una famiglia dove essere amata.

Così, nell’ottobre 2016 fu finalmente adottata: la sua famiglia si trova in Olanda e la sua salvatrice parla spesso con la nuova mamma umana di Blue. Ora la nostra cagnolina ha fatto molti progressi e in tanti dicono che sarebbe ottima come cane da terapia: siamo tutti sicuri che avrà finalmente la vita che si merita!

Adesso vi invitiamo a guardarvi il commovente video del salvataggio di Blue