Il salvataggio di Leesa

Salvata da sotto una macchina, Leesa è più affettuosa che mai! L’associazione Hope For Paws è stata di recente avvisata della presenza di un pitbull randagio in disperato bisogno di aiuto: voci dicevano che il cane sanguinava, così il team di salvataggio si è precipitato sul luogo quanto prima.

Quando arrivarono, videro il cane giacere sotto una macchina. Era una femminuccia, spaventata e tremante: bisognava prima guadagnarsi la sua fiducia. Piano piano si lasciò accarezzare, ma era ancora nervosa… anche se più veniva coccolata e più capiva che le persone intorno a lei non volevano farle del male, a aiutarla.

Questo la fece sentire molto più tranquilla e rilassata… Poco dopo le misero il famoso guinzaglio attorno al collo e riuscirono a prenderla da sotto la macchina: inaspettatamente si dimostrò molto collaborativa e seguì subito i ragazzi dello staff. Addirittura, appena un volontario si sedette a terra e la chiamò a sé, la piccola si accovacciò sul suo grembo senza esitare!

Dal momento che era una cagnolina randagia, non si poteva sapere fino a dove si fosse spinto il suo contatto con gli umani, sempre se mai ne avesse avuto uno, ma era certo che la sua indole era davvero dolce…nonostante ciò che doveva aver passato, sembrava felice di vedere finalmente qualcuno intorno a sé. La cagnolina fu chiamata Leesa e solo dopo pochi minuti dal suo salvataggio non negava leccate affettuose a nessuno, per ringraziare chi la coccolava per averla salvata.

Una volta in clinica, si scoprì che l’emorragia che aveva dato l’allarme proveniva da una grande massa mammaria che si era rotta: ciò è quanto accade quando una cagnolina non viene sterilizzata. Così venne sottoposta ad un intervento d’emergenza, dopo il quale aveva già un padrone in affido che la stava aspettando! E’ incredibile quanto Leesa possa dimostrare affetto nonostante la vita dura che ha avuto finora: non sappiamo cosa sarebbe successo se nessuno l’avesse trovata, ma siamo contenti di sapere che ora avrà inizio la sua nuova vita.

Ecco il video del salvataggio