Il salvataggio di un cagnolino chiuso in una macchina

Una donna di nome Shawna Harch di Portland, Oregon è stata la protagonista di un salvataggio in extremis… un cagnolino sarebbe morto se lei non avesse agito velocemente.  Shawna aveva appena parcheggiato la macchina e stava pagando il ticket per il parcheggio quando ha sentito un cane che guaiva e abbaiava. Ha seguito il suono e si è fermata davanti a una macchina parcheggiata non molto lontano dalla sua.

Era una Mercedes e, al suo interno, c’era un piccolo cagnolino che piangeva. Il proprietario l’aveva lasciato dentro la macchina con le finestre completamente chiuse e lui stava soffrendo perché fuori faceva molto caldo e dentro la macchina c’era l’inferno.

Ecco il video racconto di Shawna

Il cuore di Shawna si è spezzato. Quel cucciolo stava morendo di caldo. Fuori c’erano 33 gradi ma dentro la macchina di colore scuro le temperature erano molto più alte. Non c’era tempo da perdere. Shawna ha provato a muovere la macchina per far partire l’allarme ma non è riuscita. A quel punto ha preso il crick della sua macchina e ha rotto il vetro della Mercedes.

Non è stato facile ma alla fine c’è riuscita. La finestra resisteva ai colpi ma le persone arrivate sul posto l’hanno consigliata di colpire all’angolo del finestrino. Una volta rotto il vetro la donna ha fatto uscire il cane dalla trappola mortale… Il piccolo era felicissimo. Non molto dopo sono arrivati i proprietari… sono rimasti scioccati quando hanno capito che il loro cane sarebbe probabilmente morto senza l’intervento di Shawna. Hanno ammesso di non aver pensato alle conseguenze quando l’hanno lasciato in macchina.

Non erano arrabbiati per il finestrino: al contrario hanno ringraziato Shawna per il suo tempestivo intervento. In questo caso non si è trattato di maltrattamento ma di una leggerezza imperdonabile. Purtroppo ci sono ancora persone che non si rendono conto di quanto può essere pericoloso lasciare un animale all’interno di una macchina parcheggiata al sole.

Ecco perché abbiamo deciso di raccontarvi questa storia e pregarvi di condividerla… così le persone capiscano cosa può succedere. Noi tutti abbiamo il dovere morale di intervenire come ha fatto questa meravigliosa ragazza.