La cagnolina e il bimbo autistico

I cani, e più in generale gli animali, sono fondamentali nello sviluppo psicologico dei bambini. Il protagonista della nostra storia, un bimbo di otto anni di nome Jonny, non ha mai parlato molto a causa dell’autismo, ma solamente grazie alla presenza di Xena, una trovatella vittima di abusi, la sua condizione è nettamente migliorata.

Quando le strade di Jonny e Xena si sono incrociate, le vite di entrambi sono cambiate! Jonny non era mai a suo agio nemmeno con i membri della famiglia e le interazioni sociali con persone sconosciute gli causavano un vero e proprio terrore, facendolo sprofondare nel silenzio.

Xena, invece, è stata salvata da un agente dopo essere collassata in un cortile della Georgia: la piccola pesava solo 4 libbre e le sue condizioni avevano spaventato lo staff del Dekalb Animal Service, dove nessuno aveva mai visto un cucciolo in quella situazione.

Ecco il video che racconta la storia di Xena

Chrissy Kaczynski, fondatrice dell’organizzazione, ha confessato che temeva che la piccola non ce l’avrebbe fatta. Tuttavia, Xena era una vera e propria guerriera e non era disposta ad arrendersi: grazie ai fluidi somministrati e alle cure ricevute, è migliorata miracolosamente. La sua storia era diventata virale e ha raggiunto l’interesse della mamma di Jonny, che ha pensato di fare un bel regalo al bimbo.

Tra Xena e Jonny si formò subito un legame molto particolare e la cagnolina era diventata a tutti gli effetti un membro della famiglia, dopo un breve periodo di prova: ogni mattina saliva in macchina con Jonny per andare a scuola, riempiendogli il viso di baci affettuosi! Subito dopo il suo arrivo, il bambino ebbe un cambiamento radicale nel comportamento.

Linda, la mamma, ha confessato che dopo aver speso migliaia di dollari in terapie, la migliore in assoluto aveva quattro zampe ed uno sguardo molto dolce. Insomma, dall’essere vicina alla morte, Xena è diventata una grandissima speranza e certezza per un bambino!

di Redazione 1