La seconda possibilità di Leo.

“Io e mia moglie volevamo adottare un gatto. La nostra vita era già piena e felice, ma era come se mancasse qualcosa. Entrambi nelle nostre famiglie di origine siamo cresciuti con animali domestici. E non è facile vivere senza di loro, soprattutto quando sai cosa sono capaci di dare e offrire ai propri umani.”

“Siamo andati in un rifugio. La verità è che avremmo voluto portarli tutti a casa, ma non era possibile logicamente. Eppure ogni volta che andavamo via, ce n’era uno in particolare che riecheggiava nella nostra mente: Leo.”

b

“Si tratta di un gatto di 6 anni. Era malato, i suoi denti stavano cadendo piano piano. Nessuno voleva adottarlo proprio a causa delle spese mediche che avrebbero dovuto affrontare. Ebbene Leo era quello giusto per noi. Saremmo stati noi a dargli quella seconda possibilità che tanto meritava. La prima volta che è entrato nella nostra casa, sembrava che fosse sempre stato lì.”

b1

“Leo è un batuffolo pieno di amore. Cerca il nostro contatto continuamente e trova ogni modo per dimostrarci la sua gratitudine e il suo amore.”

b2

“Ha iniziato anche le sue terapie e a breve sarà completamente guarito. E’ molto più vispo e attivo ed è una gioia per noi sapere di averlo salvato.”

b3

“Spero che la nostra storia spinga all’adozione di tutti quei pelosetti anziani che si trovano nei rifugi. Loro hanno molte difficoltà a trovare una famiglia disposta ad aprire il loro cuore.”

b4

“Ma ciò che penso è che non è importante la quantità del tempo, ma la qualità. E proprio perchè i gatti anziani hanno conosciuto per più anni il lato oscuro della vita, è giusto dare loro il doppio dell’amore e dell’affetto.”

b5

Condividi questa storia con il mondo per diffonderne il meraviglioso messaggio!