La storia del piccolo Simba, doveva essere soppresso ma la vita gli ha sorriso

“Tu diventi responsabile per sempre di quello che hai addomesticato”, da Il Piccolo Principe, Antoine de Saint-Exupery. Avete mai sentito questa frase? Quando adottiamo un animale, di qualunque specie, di qualunque età, ne diventiamo totalmente responsabili. Dobbiamo prendercene cura e fare del nostro meglio per farlo sentire al sicuro e amato.

La storia che vogliamo raccontarvi oggi ha come protagonista Simba, un povero cagnolino di taglia media, abbandonato dalla sua famiglia alla morte. Non era giocoso, era poco vivace, era depresso, non giocava con gli altri cani, insomma, non era un cane normale! Così hanno deciso di portarlo al rifugio della città, lo Special Sidewalks, lo hanno lasciato lì, chiedendo ai volontari di procedere con l’eutanasia, era troppo malato e depresso, secondo loro, mettere fine per sempre alla sua triste vita, sarebbe stata la cosa migliore per tutti.

I volontari lo osservarono attentamente e notarono che Simba era davvero debole e depresso ma, come deve essere fatto per ogni cane, lo hanno portato subito al veterinario per una visita generale. E’ stato lì che hanno scoperto tutta la verità. Si Simba aveva dei problemi ma la colpa era solo loro e non serviva l’eutanasia per mettere fine alla sua sofferenza. Aveva il corpo completamente ricoperto di zecche, parassiti succhia sangue che lo avevano ridotto in quelle condizioni.

Era debole, non aveva appetito, non aveva voglia di giocare perché l’avevo trascurato e ridotto in condizioni invivibili! E invece di portarlo dal veterinario? Si sono presentati ad un canile a chiedere di uccidere un cane malato. Ma per fortuna oltre agli stupidi ci sono anche persone con la ragione!

Simba è stato curato, riabilitato ed è tornato alla vita di un cane normale! Oggi ha trovato anche una famiglia amorevole che non lo trascura e lo tratta come un vero membro della famiglia. Sembra un altro cane!

Guardate il video della storia, guardate che incredibile trasformazione:

Ci auguriamo che queste immagini possano arrivare a quei mostri che si definivano la sua famiglia e che possano vederlo felice, sano e meraviglioso, senza di loro! Quando si adotta un animale, ne diventiamo responsabili sotto ogni aspetto. Se avete intenzione di trascurali e poi abbandonarli come un giocattolo che si è fatto vecchio, semplicemente PRENDETE UN PELUCHE! Buona vita Simba, sei bellissimo!