La tristezza di un cane dopo la morte del suo amico gatto: ecco la storia di Forsberg

La morte di qualcuno che si ama è straziante…così come può essere la morte di un animale. Sicuramente avrete più volte pensato a cosa dovesse succedere ai vostri animali se morisse qualcuno a loro caro: gli animali, sia selvaggi che domestici, soffrono ugualmente se perdono qualcuno che amano.

Gli elefanti, ad esempio, affrontano il dolore della perdita coprendo il corpo dell’elefante morto con delle foglie ed osservandolo in silenzio, talvolta rimanendo con lui per giorni ed addirittura settimane. Molte persone hanno confessato di essersi commosse guardando una scena del genere!

Il protagonista della nostra storia è un golden retriever di 10 anni chiamato Forsberg, che è cresciuto con un dolcissimo gatto rosso: i due animali hanno condiviso tutto nella vita, dal gioco ai sonnellini. A quindici anni il gatto ha lasciato questo pianeta e Forsberg sembrava davvero affranto.

I suoi genitori umani, Jen e Philion, hanno raccontato che sembrava che Forsberg continuasse a cercare il suo amico a quattro zampe. Così Jen provò a portare a casa un altro gatto per attenuare la tristezza del cane, pur non essendo sicura che avrebbe funzionato: il vuoto che il gatto aveva lasciato nel cuore di Forsberg era davvero grande.

Alla fine funzionò! Il gatto, di nome Maxwell, è diventato subito il migliore amico di Forsberg: il dolore del cane si è attenuato man mano che passava del tempo col nuovo arrivato, dal pelo corvino. Ciò che questa storia ci vuole insegnare non è certo che basta così poco per far diminuire il dolore di una perdita così grande, bensì che anche gli animali che spesso sembrano così vivaci ed allegri possano diventare incredibilmente tristi, come è accaduto a Forsberg, che in tutto il resto della sua vita era sempre stato pieno di vita. Ma ora, grazie a Maxwell, il cane di Jen e Philion può continuare a godersi le giornate!

E, se volete vedere i due nuovi amici, potete guardarvi il video qui sotto