Le persone che parlano con gli animali sono più intelligenti

Se siete amanti degli animali e avete in casa la compagnia di un cane, gatto o pappagallo, probabilmente passate molto tempo a parlargli, cosa che vi potrebbe far sembrare strani agli occhi di chi non ha mai avuto un animale. Ad essere sinceri, sarebbe ancora più strano se non gli parlaste affatto!

Quindi, se state pensando che parlare col vostro amico a quattro zampe o piumato vi dipinga come pazzi, vi state sbagliando sonoramente. Parlare con gli animali è ritenuto un segno di intelligenza, ma non è tutto: è lo stesso anche se parlate con oggetti inanimati, come piante o… la vostra macchina!

Tale comportamento è conosciuto come un antropomorfizzazione, che riguarda il dare nomi a cose non dotate di una mente umana, e trattarle come se fossero nostri simili. Nel passato era trattata come un segno di infantilità o stupidità, ma attualmente è invece un qualcosa che rende gli umani unicamente intelligenti sul pianeta: nessun altra specie vivente ha questa tendenza!

Con questo fenomeno si spiega come mai tendiamo a descrivere oggetti ed animali come se fossero persone, ad esempio quando descriviamo la nostra macchina come un uomo anziano acciaccato. È semplicemente il modo in cui il nostro cervello percepisce ciò che ci circonda! A volte si può esagerare, come quando la nostra mente ci illude di vedere un paio di occhi e quindi pensiamo che un determinato oggetto abbia “un’anima”.

Ciò è spiegato in modo molto semplice: siamo molto sensibili alla vista degli occhi, in quanto ci offrono una visione sulla personalità di un individuo, quindi tendiamo a cercarli inconsciamente ovunque. È solo un’altra caratteristica che rende il genere umano unico ed irripetibile, ma non di certo stupido! E ricordate: la prossima volta che i vostri amici vi prendono in giro perché parlate con gli animali, fategli notare che è perché siete incredibilmente intelligenti!

di Redazione 1