” Lo so che era un reato ciò che stavo per fare ma nella vita, a volte, si deve scegliere”

Un cane non è un oggetto, farlo vivere tutta la vita legato ad una catena non è una cosa normale. Deve essere libero di correre e di giocare, non può dormire sull’asfalto freddo… i cani fanno parte della nostra vita e noi, invece, per loro siamo tutta la loro vita.  Sapete che potrebbero morire di depressione?

Il cane nella foto qui sopra ha trascorso tutta la sua vita legato alla catena, senza nemmeno un minuto di libertà. I vicini lo sentivano piangere tutto il giorno e non sapevano come fare per aiutarlo. Più volte avevano discusso con il suo umano ma a lui non interessava ascoltarli.

Un giorno, stufi, hanno chiamato la Polizia, ma una sola denuncia non era sufficiente per pretendere un loro sopralluogo. Alla fine, dopo più di dieci denunce e più di un anno di sofferenza, sono riusciti a liberarlo, scalvalcando il recinto e portandolo via di li. Una di queste famiglie, che tanto hanno lottato per lui, lo ha adottato. Gli hanno, finalmente, regalato una casa dove potersi riparare dal freddo e un giardino dove correre libero e felice. Lo hanno chiamato Alfie.

Tutte le sofferenze avute nella sua vita iniziarono scomparire, giorno dopo giorno. In questa splendida casa Alfie ha trovato anche un’altro amico a quattro zampe, di nome Doggy, con cui oggi gioca felice. I loro angeli li portano ovunque, anche nel lago per farli divertire nell’acqua, felici e spensierati.

Condividete la storia di Alfie per evitare che le persone, se così si possono chiamare, tengano ancora gli animali legati ad una catena, per cercare di far capire che devono essere liberi di correre e vivere, con una famiglia piena d’amore.

di Lisa