Neanche la morte li ha separati!

Mucufa è una gatta con cui la vita non è stata molto buona. Dopo essere stata maltrattata dai suoi ex umani ed essere finita in un rifugio, ha conosciuto un uomo di nome Antenore. Lui l’ha presa nella sua casa e ne è diventato il suo papà umano a tutti gli effetti. Ma un terribile giorno Antenore è uscito di casa per andare ad una corsa di moto e non è più tornato. Un incidente lo ha portato via per sempre.

17093846_1724577440893121_1941330798_n

Il dolore di Mucufa è stato così forte da spingerla ad allontanarsi di casa, chissà forse per andare alla ricerca del suo amato amico umano. “L’abbiamo cercata dappertutto” racconta la sorella di Antenore. “ma era introvabile. Ogni giorno avevamo la speranza che tornasse da noi.”

A distanza di un anno accade qualcosa di incredibile. La donna va a trovare suo fratello al cimitero e vede Mucufa sulla sua lapide. Non era sola. Con lei c’erano i suoi cuccioli appena nati. Aveva finalmente trovato il suo umano e aveva scelto di dare alla luce i suoi bambini nel posto che reputava più sicuro al mondo.

“E’ stato un groviglio di emozioni. La tristezza per il momento e per la perdita di mio fratello, la gioia di aver ritrovato lei e la tenerezza di quella creatura a cui mancava troppo il suo papà. Penso che alcuni rapporti non finiscano mai. Neanche la morte poteva separarli.”

Attualmente la micia vive con la sorella di Antenore. Un esperto, Renato Flores Zamora, sostiene che lei abbia cercato protezione in quel luogo e che i gatti hanno un olfatto così sviluppato da trovare i loro umani anche se sono sepolti a 7 metri di profondità. “In fondo siamo accomunate dallo stesso dolore e spero che riusciremo ad essere la forza l’una per l’altra.”

Condividi questa straordinaria storia con i tuoi amici per dimostrare quanto amore può albergare nel cuore di un gatto.