Notano un leone tra i cespugli: ecco cosa fanno

Quando incontriamo, durante un’escursione, un animale selvatico, qual è il nostro primo pensiero? Sicuramente proviamo smarrimento, paura, tensione, perché di fronte a un orso o a un cervo incontrato in montagna non sappiamo come reagire. Ma cosa faremmo se incontrassimo durante una passeggiata un leone nascosto dietro una siepe?

Un giorno un gruppo di persone stava facendo un’escursione, mentre tra i cespugli a lato del sentiero ha visto qualcosa di strano muoversi. E mentre le persone si avvicinavano si resero conto di essere di fronte a un giovane leone: il gruppo cominciò pian piano a indietreggiare, per non far arrabbiare l’animale o non spaventarlo.

Mentre si allontanavano, però, alcune persone avevano notato che il leone non si era mosso di una virgola. Gli occhi del leone si muovevano, ma non faceva alcun movimento. Un comportamento decisamente strano, così queste persone coraggiose decisero di avvicinarsi per capire se tutto andava bene.

Quando furono più vicine, le persone scoprirono perché il leone non si era mosso: una delle zampe era rimasta incastrata in una trappola. Il povero animale provava dolore quando cercava di fuggire e per questo non si muoveva più.

Le persone sapevano che dovevano fare qualcosa per salvare il giovane leone e così chiamarono i soccorsi: degli uomini, muniti di dardi non letali, arrivarono presto, per sedarlo e toglierlo dalla trappola. Intanto molte persone si erano radunate per vedere il salvataggio, tanto che i soccorritori dovettero prendere ulteriori misure precauzionali.

I soccorritori prima hanno coperto la testa del leone e messo dei tappi nelle sue orecchie, così da non spaventarlo, e poi hanno tagliato la trappola, liberando la sua zampa!

Il leone cominciò a ruggire e i soccorritori lo sedarono di nuovo.

Alla fine questi uomini sono riusciti a rimuovere la trappola e a portare in salvo il leone, che è stato liberato in una zona sicura.

Condividi con i tuoi amici!