Ogni anno muoiono decine di cani per una gara crudele che li vede protagonisti: l’Iditarod.

Non se ne parla perché è una gara molto popolare che si svolge, ogni anno, in Alaska, ma è un vero e proprio massacro di animali.

I cani, chiamati musher , sono 16 per squadra: 8 tirano e 8 seguono a turni e in 15 giorni devono coprire 1700 km!

Sono sempre gli animali a pagare a caro prezzo questa follia che non ha senso di esistere, e pagano con la loro vita.

Quest’anno (la gara si è terminata da pochi giorni) sono morti 5 cani! I poveri animali sono costretti a percorrere 150 km al giorno con temperature e condizioni climatiche estreme: in 15 giorni hanno solo 40 ore di riposo!

Durante l’Iditarod i cani si feriscono, cadono nell’acqua ghiacciata, si ammalano, si danneggiano i muscoli, rischiano la disidratazione e la loro morte è considerata una cosa normale.

Anche quando non corrono, i musher vengono trattati male e vivono in condizioni molto brutte, inoltre quando sono vecchi, vengono lasciati al loro destino e sostituiti con animali più giovani.

Finalmente iniziano a levarsi delle voci contro questa maledetta gara che non ha niente di piacevole, tranne che per qualche squilibrato che forse si sente realizzato a vedere la sofferenza delle bestie.

Probabilmente sono persone che hanno difficoltà col genere umano e allora si sentono potenti comandando sugli animali, facendogli compiere imprese al di fuori della loro portata.

Sarebbe bello mettere questi emeriti egoisti a trainare la slitta, e i cani seduti sopra che li frustano, e quando si feriscono li buttano in un angolo e via, sotto un altro.

Queste persone non rendono merito al genere umano, dobbiamo fare di tutto per sabotarli e per fare in modo che queste cose non si realizzino più!

Diffondiamo questa protesta, facciamo sentire la nostra voce contro questi delitti crudeli!