Ognuno di noi custodisce un segreto, Boris il suo ce l’ha svelato

Questa è una storia dove non ci sono botte o ferite da curare, almeno non quelle visibili, questa è la storia di Boris e di alcune ragazze. Boris è spettacolare, vivace e bellissimo l’hanno trovato attaccato con una corda, al cancello del canile di Rieti la notte di Natale.

 

Non era affranto, a quel cancello l’aveva attaccato il suo padrone, per un anno l’aveva amato e coccolato, sicuramente l’avevano anche chiamato “amore” qualche volta, ha messo il muso sotto la man della volontaria e si è fatto accarezzare.

Non ha nascosto infatti la sua immensa dolcezza e preferenza per gli umani agli altri animali, doveva aver avuto una bella famiglia prima! Portato all’interno della struttura i veterinari li ha ricoperti di leccate e baci, ne ha per tutti…

Lo sguardo è cambiato quando l’hanno accompagnato nella sua cella, adesso era uguale a quello della volontaria che era costretta a spingere le zampe per farlo entrare, a testa bassa e il nodo in gola..

Quel giorno la ragazza ha messo nel suo box una pallina rosa, qualcosa che magari poteva farlo distogliere dall’attesa del suo papà…E’ stato un successo!

E’ pazzo per la pallina, quella rosa vuole, è tutta sua, passa intere giornate scorrazzando per il rifugio a 200 all’ora, in realtà esce solo 10 minuti al giorno, ma sono tanti cani e pochissime volontarie, la poggia di fianco la ciotola nell’ora della pappa, sotto il mento durante le ninne..è l’unica cosa che ha, la porta anche al cancello quando può, magari se viene papà per riprenderlo porta anche lei!

Per Boris non è arrivata mai nessuna richiesta di adozione, due anni sono troppi per la gente, vogliono cuccioli o cani giovani, due anni è da buttare al secchio lui..A Boris continuano a piacere tutte le persone che incontra, non ama i suoi simili ma è un bravo ragazzo!

Roberta, una delle volontarie di Rieti non si da pace, sa che Boris passerà 15/16 anni in gabbia, anche solo tra l’altro , quando l’hanno portato al canile definitivo la pallina l’hanno buttata via, adesso ha solo la disperazione.  Non vi mostreremo Boris in gabbia, non lo umilieremo così tanto, vi mostreremo gli occhi felici.

Roberta piange, si sente in colpa, forse Boris non l’hanno visto in molti per colpa sua, Boris ha solo due anni, lei porterà ovunque ma qualcuno si faccia avanti e continui a giocare con questo spettacolo di giovanotto, ridategli una vita e una pallina, telefonate 348 4149722 dite quella frase bellissima:”Ragazze prendiamo Boris!” Se non potete condividete ma noi ancora crediamo che in Italia possa esserci una famiglia per lui!