Portano via il suo papà umano, rincorre l’ambulanza disperato

Oggi i social network hanno un enorme potere sulla vita di tutti noi e quando accade qualcosa di sensazionale, in pochissime ore, l’intero mondo ne viene a conoscenza. E proprio così che noi abbiamo avuto il piacere di leggere di questa storia, emozionante, meravigliosa, una di quelle che tutti dovrebbero conoscere e che ci lascia una lezione molto importante.

Lo scorso mese, un senzatetto che viveva per le strade di una cittadina del Perù, ha attirato l’attenzione dei passanti a causa di gravi convulsioni che lo stavano portando alla morte. I soccorsi hanno raggiunto il posto nel giro di pochi minuti e i paramedici lo hanno caricato sull’ambulanza. Accanto al suo corpo c’era un cane randagio, deduzione fatta dal suo stato, era sporco e affamato. Nessuno, in una situazione così tragica, gli aveva dato peso ma non appena l’ambulanza è partita, il povero cucciolo ha iniziato a rincorrerla disperatamente. Commossi dalla scena, i paramedici hanno fermato il mezzo e hanno permesso a Brawn, questo il suo nome, di salire a bordo.

Giunti in ospedale, hanno fatto capire al cucciolo che non poteva entrare nella struttura, c’erano delle regole ben precise al riguardo. Brawn aveva capito, si è accovacciato all’entrata della porta principale del reparto ed è rimasto lì, in attesa del suo papà. Un’attesa durata 8 lunghi giorni.

L’intero personale, commosso dalla scena, gli ha garantito cibo e acqua in abbondanza. Le sue foto e la sua fedeltà hanno iniziato a fare il giro del mondo. Le infermiere hanno appeso un apposito cartello per invitare qualunque passante a non fargli del male: “per favore non maltrattate questo animale perché sta aspettando un paziente”.

La storia è arrivata fino all’ALPA, ente di protezione e cura degli animali. I volontari si sono offerti di sottoporre il cane alle cure necessarie, lo hanno liberato dall’enorme quantità di pulci e zecche che abitavano il suo corpo. Per la gioia di tutti, questa storia ha avuto un lieto fine, dopo 8 giorni di ricovero, il senzatetto è stato dimesso. Avevano pensato ad una grave polmonite ma il suo corpo ha reagito subito a tutte le cure. Fuori all’ospedale c’erano tantissime persone che aspettavano di vedere la scena del dolce e atteso incontro. Guardate anche voi il video:

Una storia emozionante che ci dimostra quello che noi siamo per i nostri animali. Siamo il loro mondo e farebbero di tutto per noi. Non ci abbandonano ma ci sostengono e ci aspettano anche quando tutto va male. E’ stata creata una raccolta fondi per questi due amici e da quel giorno non hanno più dormito per strada. L’ALPA si è offerta di prendersi cura del cane periodicamente e di garantirgli la salute che merita.

Condividete questa storia amici, come testimonianza di quanto gli animali sono meravigliosi!