Quei cani erano condannati alla morte ma una telefonata li ha salvati

La storia che state per leggere è accaduta lo scorso luglio: un residente di Lago Mathews in California si era accorto di un terribile odore, simile a quello della putrefazione, proveniente dalla casa vicina. Il tanfo era reso terribile dal calore soffocante dell’estate.

b215c0d53b9a31dab4f7f8135ce26ffd

01e013b3bb8269dd39ab972635999f68

Così aveva deciso di informare subito le autorità dell’odore sospetto, in modo da dare inizio alle indagini… ma nessuno poteva immaginare cosa avrebbe aspettato la squadra investigativa una volta entrati nella casa. John Welsh, responsabile dei servizi per animali della Contea di Riverside, aveva paragonato il luogo ad un set di un film dell’orrore.

db9bd0fd3f9ecc3c8b2794a8badb432e

8cbd3365b2ed93b9b9bcb4de09dd06ae

Ecco la sua testimonianza… “Sembrava una scena de “Il silenzio degli innocenti”. Si sentiva l’odore della morte.” Così aveva dichiarato l’uomo. All’interno della casa vi erano infatti circa 40 pitbull, 11 dei quali morti da tempo probabilmente a causa della denutrizione e dell’abbandono; altri sono morti poco dopo il salvataggio per le infezioni contratte in quelle condizioni.

8d42714aa179c936654c954a574957a4

546d4998af6cdde61514ddb5407b33a2

Alcuni erano così deboli che la squadra dovette portarli di peso al camion. Il presunto proprietario ed allevatore, Carl Dixon, non si era fatto trovare da nessuna parte: dalle indagini era emerso che il quarantottenne fosse stato in prigione in passato per traffico di droga.

9f850ffce4b5e1df63c19afd577e7e9c

9acdaef338b3730e795952f71cf816c9

Le autorità si sono dunque messe alla ricerca della sua compagna, Kim Delagos, probabilmente in parte responsabile della cura degli animali…cosa che non sembra aver fatto come si dovrebbe. Se non altro, gli animali sopravvissuti, tutti di un’età compresa tra gli 8 e i 10 mesi, sono stati portati subito dal veterinario: il primo passo di un viaggio che aveva come scopo il loro benessere. Man mano sono stati trasferiti in varie strutture per animali della California, nella speranza che, con la stessa velocità che vi sono stati portati, qualcuno si accorgesse del bisogno estremo di affetto che hanno questi dolcissimi pitbull. Infatti, non molto tempo dopo, tutti i pitbull trovati in quella casa sono stati adottati…