Roma senza parole: spara al gatto del figlio, il bambino si mette in mezzo per difendere il suo amato micio e ci riceve anche lui.

Da dove cominciamo…Roma raccoglie tutto e tutti, città di bellezza e di libertà, arte e cultura ma l’ignorante di turno non manca mai.

 

Accusa il gatto del figlio, badate bene, il gatto, di aver picchiato il cane a cui lui tiene tanto. Prende il fucile ad aria compressa e lo impallina, il ragazzo si mette in mezzo per difendere il micio e…

Ci riceve anche il figlio, schiaffi e sedie addosso non gli vengono risparmiate. La lite attira l’attenzione dei vicini che prontamente chiamano la polizia.

Gli agenti intervengono e, dopo la prima ricostruzione fatta dai presenti, si accorgono che in giardino c’è qualcosa di molto, come dire, interessante…

Delle belle piante rigogliose, di un verde brillante, accudite e annaffiate con molta cura,peccato che non si tratti di un domestico giardino botanico ma di piante di marijuana.

 

Da quel momento scatta una perquisizione, altra droga gia confezionata e un bilancino di precisione, due coltelli a serramanico, il fucile con cui ha sparato al gatto e per concludere l’accusa di minacce aggravate e lesioni da parte del figlio.

Il tipo è stato arrestato, il gatto e il cane stanno bene, moglie e figlio sicuramente più tranquilli. Lo diciamo sempre, chi fa del male agli animali non sono persone normali che possono vivere nella società. In Italia non ci sentono a quanto pare! In America il maltrattamento è punito severamente, le leggi si sono inasprite molto perché alcune ricerche scientifiche hanno dato risultati orridi.

Una percentuale altissima di criminali ha una tendenza a fare del male agli animali…Quindi hanno paragonato l’omicidio di un cane o gatto o animale che sia all’omicidio di un essere umano e la pena applicata è la stessa. Questo era solo un’informazione aggiunta, sicuramente non vicina a questo caso ma è bene sapere più cose possibili. L’importante per noi è che cane e gatto siano in salute.

di Redazione 2