Il salvataggio di Navarre, il lupo

Si è parlato molto dei lupi che popolano le nostre montagne e della loro sorte. I lupi sono animali meravigliosi e hanno un importante ruolo nella natura. Ecco perché sono protetti dalle nostre leggi. E, se da piccoli vi hanno raccontato storie di lupi cattivi, dimenticatele. I lupi non sono mai cattivi e nemmeno aggressivi verso l’uomo. Se, per caso, incontrate un lupo mentre camminate n montagna (cosa improbabile visto la loro natura), sarà lui ad allontanarsi in fretta.

Vogliamo raccontarvi una storia accaduta a Camugnano, un paesino vicino a Bologna che ci ha colpito molto. Alcune persone del posto, durante una passeggiata, hanno visto un animale immerso nelle acque gelide di un torrente. L’animale era in ipotermia e loro hanno chiamato i soccorsi. Sul posto sono arrivati subito gli operatori del Centro Recupero Fauna Selvatica di Brento (Cras) e gli uomini della polizia provinciale.

sddefault

Il lupo, battezzato Navarro dai suoi soccorritori, non si muoveva: hanno scoperto in seguito che le sue zampe posteriori erano semiparalizzate. Nel video qui sotto vedrete il momento in cui i soccorritori si avvicinano all’animale e scoprono il perché del suo malessere: Navarro aveva più di 35 pallottole conficcate nel corpo. Qualcuno, un essere spregevole e senza scrupoli, gli aveva sparato.

67c1c02c4a6fc382be54dc851d3b45b3

 

Dopo aver ricevuto le prime cure sul posto, Navarro è stato trasportato nel Centro per il Recupero della Fauna Selvatica di Brento dove potrà stare tutto il tempo necessario per guarire. Quando starà meglio sarà reintrodotto nel suo ambiente naturale. A questo punto speriamo che il “lupo cattivo” non incontrerà mai più “il coraggioso cacciatore”

Se volete vedere come è stato salvato Navarro, vi invitiamo a guardarvi l’emozionante video qui sotto