Se porti il cane a fare pipì per strada commetti un reato

Ad uomo di 44 anni di Torre del Benaco, in provincia di Verona è stata fatta una multa di 157 euro perché ritenuto colpevole di aver fatto urinare il suo cane per strada e non aver, poi, pulito. Il suo amico a 4 zampe avrebbe fatto i suoi bisogni su un cestino accanto ad un ristorante. Sorpreso dalla polizia municipale, l’uomo è stato multato, poiché l’ordinanza nella città, obbliga a pulire con l’acqua i bisogni degli animali, anche se si tratta di pipì.

Una vicenda che non poteva rimbalzare sui social e, soprattutto, che non poteva non attirare l’attenzione degli animalisti di tutta l’Italia. La prima ad intervenire è stata l’AIDA, la nostra associazione Italiana Difesa Animali e Ambiente. Questa ha dichiarato: “si tratta sicuramente della prima multa fatta ad uomo per non aver raccolto la pipì del proprio cane. Una multa ridicola, ci auguriamo che il sindaco possa recedere da queste assurde ordinanze.”

“Se non fosse perché, dietro a tutto ciò, c’è un pover’uomo che deve pagare circa 160 euro di multa, l’unica cosa da fare sarebbe ridere! Non lasceremo passare inosservata un tale tipo di follia amministrativa, anche a costo di ricorrere al Presidente della Repubblica!” conclude il presidente dell’associazione Lorenzo Croce.

Purtroppo il comune di verona non è stato l’unico ad adottare queste assurde norme. Si stanno diffondendo in varie parti d’Italia. Io sono d’accordo per quanto riguarda la cacca, è giusto punire chi non la raccoglie ma la pipì ragazzi è un’altra storia. La legge, quella giusta, precisamente l’articolo 639 del codice penale, punisce tale atto se viene fatto sul patrimonio storico, su cose mobili o immobili altrui, anche se si tratta di una macchina e sui mezzi pubblici. A seconda della gravità, la multa può variare da 103 a 3.000 euro, la più elevata viene sancita se il reato è commesso verso il patrimonio storico.

Quindi amici mi raccomando, portate sempre con voi una bottiglietta d’acqua e “raccogliete” la pipì del vostro cane! XD

CONDIVIDETE QUESTA ASSURDITA’, mostriamo fino a che punto siamo arrivati!