Sola e abbandonata in uno scatolone, Arya fa un incontro che le cambia la vita e non solo…

“Ero a lavoro e sono uscito in pausa pranzo quando l’ho vista. Una piccola micia in uno scatolone. Sola e abbandonata, mi guardava con lo sguardo più triste che avessi mai visto. Ho diviso con lei il mio cheeseburger e ho provato ad accarezzarla e tranquillizzarla.”

c

“Non so chi l’abbia lasciata lì, so solo che lei aveva bisogno di amore, di qualcuno che si occupasse di lei.”

c1

“Ad un tratto è scesa dal cartone e ha iniziato a farmi le fusa strusciando il suo muso sulle mie caviglie. Potevo ignorare quella richiesta disperata di aiuto?”

c2

“Sono tornato dentro e ho detto al mio titolare che avevo necessità di prendermi il pomeriggio libero. Avevo qualcosa di troppo importante di cui occuparmi.”

c3

“L’ho presa e l’ho portata a casa. Così è iniziata la nostra vita insieme. L’ho chiamata Arya. Da subito si è sentita a suo agio. E’ come se fosse sempre stata lì, nella mia vita.”

c4

“E’ di una dolcezza e una tenerezza disarmanti. Dorme con me e va sempre alla ricerca del contatto col mio corpo.”

c5

“Quell’incontro era scritto dal destino. Io dovevo diventare il suo papà e lei la mia piccola per sempre.”

c6

“Adesso Arya è diventata una bellissima signorina sana e forte. I suoi occhi sono i più belli del mondo!”

c7

“Ha anche accettato benissimo l’arrivo del nuovo cagnolone di casa. E’ un batuffolo di amore che da affetto a chiunque glielo dimostri.”

c8

“Lei riempie le mie giornate e mi fa sentire unico e speciale come mai nessuno!”

c9

Condividi questa storia straordinaria con i tuoi amici! Dare amore ad un pelosetto significa riceverne in cambio infinitamente tanto!