Un incontro che gli salva la vita

Laufa, l’uomo protagonista di questa vicenda, è un senzatetto che placava le sofferenze della vita con la droga. Ma un giorno il suo cammino è stato interrotto da una scatola di cartone abbandonata, una scatola che gli ha cambiato la vita. All’interno di questa, un cane randagio, affamato e spaventato, cercava di ripararsi, inutilmente dalla pioggia. Laufa ha cercato di tranquillizzarlo, si è seduto accanto a lui, lo ha abbracciato per scaldarlo e per cercare di ripararlo dalla pioggia. Sono rimasti così tutta la notte, si sono addormentati regalando una scena tenera e commovente ad ogni passante.

Da quel giorno sono diventati due amici inseparabili. Luafa ha salvato il cane dall’abbandono e da una vita a lui sconosciuta e paurosa mentre il cucciolo ha allontanato l’uomo da ogni pensiero negativo. Da quel giorno Luafa non ha più pensato alla droga, al crack, ma si è preso cura di questo randagio ogni giorno.

“Il mio nome è Laufa, ero un giardiniere, poi un tossico, oggi sono un felice senzatetto. Avevo una grande crepa nella mia vita da dove entrava solo cocaina. Poi quella sera pioveva a dirotto, cercavo riparo e sono inciampato su di uno scatolone. Destino o no, ho conosciuto il mio migliore amico. Lui ha riempito quella crepa. Lui è speranza, pace, affetto. Lui mi capisce.

Un giorno ero in astinenza, non ce la facevo più, avevo bisogno della mia droga. L’ho chiamato e gli ho detto andiamo. Mi ha guardato e si è rifiutato. Non so spiegarvi la scena a parole ma è come se lui lo sapeva. Mi accompagna ovunque ma quando cado in uno dei miei momenti e voglio andare a prendere la droga, lui si rifiuta di accompagnarmi. E’ come se sa dove sto andando e quello che voglio fare. Quel giorno non l’ho fatto, mi ha fatto male, il mio corpo soffriva, la mia mente mi uccideva ma poi è passato, non sapevo che poteva passare. Il giorno dopo faceva meno male e alla fine è scomparso. Lui mi ha salvato. Il mio è cane è il capitano, gli devo la mia vita.” 

Questa storia ci insegna l’importanza degli animali nella nostra vita e come, la loro presenza, può aiutarci a risalire anche dal burrone più profondo. Quest’uomo era dipendente dalla cocaina e dal crack, una dipendenza ad un livello quasi irrecuperabile. Ma questo cane aveva bisogno di lui, aveva bisogno di un papà. Questo cane l’ha sostenuto e gli ha detto puoi farcela. Oggi questo senzatetto è un uomo libero e felice. La loro storia sta facendo il giro del mondo e noi ci auguriamo che il buon cuore della gente del loro paese possa aiutarli a trovare una sistemazione.

Condividete amici, mostriamo al mondo che adottare un animale può portare solo cose belle. Noi salviamo la sua vita ma lui salverà la nostra.