Un lavoro da incubo, come si può affrontare una vita così, mamme e figli

Come sempre è il più povero a parlare e denunciare, quello a cui lo stomaco si rivolta e il cuore chiama…Ne uccidono più del Giappone e dell’Islanda messi insieme. La Norvegia sconvolge il mondo per il gesto estremo che compie ripetutamente in primavera.

La sconvolgente notizia arriva da un filmato girato sul ponte della nave dove vengono sventrate le balene catturate. Nessuno immaginava una tale reazione in studio! La mattanza sceglie giovani esemplari gravide, sembra indichi una qualità superiore della carne e prezzo più alto.

La Norvegia sembra si sia ostinata a praticare per scopo di soldi, come ammette lei stessa questa strage di mamme. Sperano di raddoppiare il numero delle femmine da uccidere quest’anno, verranno aperti i loro grembi e staccati i feti dalle membra, poi saranno gettati in mare ancora vivi, il loro cuore smetterà di battere e i loro corpi smetteranno di dimenarsi…Sono mammiferi, non dimenticatelo… Le mamme invece saranno sezionate per il commercio di carne, che nel paese non è alto, anzi quasi inesistente. Verrà mandato all’estero, il Giappone ne compra a quantità incontrollabili, oppure lo ritroviamo nella nostra borsa sotto forma di cosmetica… Quanto ci piace a noi uomini decidere della vita altrui e farne un lavoro!

Durante una trasmissione è andato in onda questo video, lo stralcio che vi proponiamo è quello che ha fatto scoppiare lo scandalo. Ha indignato molti presenti e nel giro di poco tempo ha raggiunto milioni di persone.

Le parole di Dag, capitano del peschereccio norvegese Kato, sul quale è stato girato il video-scandalo hanno fatto il giro del mondo insieme alle immagini:” E’ sintomo di qualità e buona salute della specie trovare così tante femmine incinte da APRIRE” Al capitano non importa evidentemente del pericolo estinzione della specie martoriata anzi, sembra prenderne parte e anche con un certo godimento personale…

Condividete per far conoscere a tutti anche questo di scandalo, non ne lasciano in pace uno di animale!