Una cagnolina e i suoi cuccioli sono stati buttati al freddo in una gabbia

Quando decidiamo di adottare un cane dobbiamo essere consapevoli di avere una responsabilità verso un essere indifeso per tutta la durata della sua vita. Dobbiamo trattarlo con rispetto e gentilezza e dobbiamo dargli tutto quello che gli occorre per essere felice e per stare bene.

Questa storia scioccante che ci arriva da Kiev, Ucraina ci deve far riflettere su molte cose. Dobbiamo capire tutti che non bisogna mai fare finta di non vedere quando un animale si trova in difficoltà. Dobbiamo sempre denunciare e intervenire… loro non hanno voce… dobbiamo essere noi la loro voce.

I volontari dell’Animal Rescue Service sono stati chiamati per soccorrere una cagnolina e i suoi cuccioli appena nati che erano stati buttati in una gabbia lasciata fuori nel freddo gelido dell’inverno ucraino. La gabbia era ricoperta dalla neve e la povera cagnolina cercava in tutti ii modi di riscaldare i suoi sette piccoli, ancora bagnati dal liquido amniotico. Come ben sapete le temperature invernali in Ucraina scendono molto sotto zero e i cuccioli rischiavano di morire congelati.

Nelle vicinanze della gabbia c’erano altri cuccioli più grandi, anche loro figli della stessa cagnolina. Quando i volontari sono arrivati, hanno trovato altri 2 cani adulti in altrettante gabbie… le loro condizioni di salute non erano delle migliori.

Sono riusciti a portarli tutti nel rifugio dove li hanno puliti, riscaldati e nutriti. Tutti i cani erano dolci e docili e compatibili con altri animali e con i bambini. Adesso stanno cercando tutti una casa.

Questa storia, fortunatamente, è finita bene e i cuccioli adesso sono salvi e avranno presto una casa. Ma quanti animali sfortunati come lei non hanno un lieto fine? Condividete la sua storia per far capire alle persone che bisogna sempre intervenire e aiutare questi indifesi. Ignorandoli firmiamo la loro condanna a morte!