Un’adozione fantastica, la più bella vita che un cucciolo possa desiderar

Khan è il nome di questo cucciolo fortunatissimo. Lui è stato adottato quando era molto piccolo, i giorni passavano e si affezionava sempre di più alla sua nuova famiglia. Khan era un giocherellone, purtroppo si stava verificando un problema, irreversibile…Khan stava crescendo, la cosa ai suoi proprietari non piaceva, così decisero di portarlo da un contadino. Questo lo trattava molto male, il piccolo era abituato a stare in famiglia e non riusciva ad adattarsi a fare la guardia al bestiame. Si addormentava insieme alle pecore e giocava con le galline.

Il contadino che pensava già di averlo salvato non accettò il comportamento irriverente del cucciolo, quindi decise di portarlo lontano e toglierselo definitivamente dai piedi. Un cucciolo così maleducato doveva solo fare quella fine!

Così lo hanno trovato due ragazzi i giorni successivi all’abbandono, era quasi paralizzato nell’erba, il poverino era stato investito sicuramente, o peggio era stato picchiato. Non riusciva a muoversi, non mangiava da molto tempo ed era disidratato. I due giovani avevano solo la buona volontà ma non erano in grado di fare nulla. Hanno così deciso di chiamare alcuni volontari, i quali si sono recati sul posto immediatamente.

 

La situazione era molto incerta, il piccolo non si muoveva, non reagiva, poi una carezzina della giovane ha suscitato in lui qualcosa, la speranza! Ha iniziato a scodinzolare, quella cosa ha dato fiducia ai ragazzi, l’hanno caricato in auto e trasportato in clinica. I giorni sono passati lenti e pieni di speranza, Khan non ha mai perso la fiducia e dopo tanto per lui si è presentata una nuova opportunità. Una famiglia tutta per lui, ormai era guarito e poteva andare a casa!

Godetevi il video di Khan ma noi vi abbiamo raccontato questa storia per un motivo, l’abbandono di un cane è il più vile dei gesti, condividete la storia di Khan per far conoscere a tutti il suo dolore. Quando li butti, brutto codardo, sappi che loro muoiono tra pene terribili!

 

di Redazione 2