10 strane cose da aggiungere nell’acqua del bagno

Giornata lavorativa intensa e stressante? Non c’è niente di meglio che rilassarsi con un bel bagno caldo. Vi libera dallo stress e allevia i dolori muscolari. Questo soprattutto se aggiungete al bagno caldo qualche prodotto per migliorare la vostra esperienza. Ma perché spendere soldi per prodotti commerciali, quando potreste aggiungere al bagno qualche rimedio che potete trovare anche tranquillamente nella vostra cucina? Certo, alcuni di essi sono piuttosto strani se abbinati a un bagno caldo, ma sono dei veri e propri toccasana:

1) tè verde: di solito lo bevete, ma qui lo dovete aggiungere all’acqua del vostro bagno. Ha azione antiossidante, disintossica l’organismo e aumenta i vostri livelli di energia. Inoltre è ideale per combattere l’invecchiamento della pelle. Quando riempite la vasca con l’acqua calda, mettete 5-10 bustine sotto il getto del rubinetto. Quando l’acqua diventa verde con una tendenza marroncina, allora è pronta

2) vino rosso: siete abituate a sorseggiarlo mentre vi fate il bagno, non a versarlo nel bagno, vi capisco. Però non si tratta di sprecare del buon vino, siamo di fronte a una vera e propria forma di vinoterapia, è un trattamento termale in voga da anni. I polifenoli del vino hanno azione antiossidante sulla pelle e sulla circolazione, oltre ad avere effetto anti invecchiamento. E migliorano anche la cellulite. Dovete mettere circa mezzo litro di vino nella vasca

Il vino rosso potete sia berlo che metterlo nell'acqua del bagno
Il vino rosso potete sia berlo che metterlo nell’acqua del bagno

3) miele naturale: ha azione antibatterica, aiuta in caso di acne, riduce l’invecchiamento della pelle, purifica i pori della cute, combatte la pelle secca ed è ricco di antiossidanti. Lo sapeva bene Cleopatra che, quando non era intenta a farsi mordere dagli aspidi, si concedeva sedute di bellezza a base di miele. Dovete mettere nell’acqua del bagno una tazza di miele naturale

4) olio di oliva: tenete da parte non solo per condire l’insalata, ma anche per fare il bagno. Tecnica amata da Sophia Loren, ha anche esso effetto ringiovanente, rinforza il sistema immunitario, mantiene elastica la pelle, riduce la formazione di rughe ed è utile anche contro la psoriasi. Dovete aggiungerne 5 cucchiai al vostro bagno

5) zenzero: elimina le tossine dal corpo, ha azione antibatterica e antinfiammatoria, allevia i dolori muscolari e aiuta in caso di artrosi. Dovete sbucciare una radice di zenzero e poi grattugiarne mezza tazza nel bagno caldo. Attenzione che vi farà sudare parecchio anche per un’oretta dopo il bagno

6) cannella: aiuta a decongestionare il corpo, ha funzione antisettica e antivirale, elimina le tossine dal corpo, tonifica e aiuta in caso di malumore. Potete aggiungere al bagno o tre bastoncini di cannella o un quarto di tazza di cannella in polvere

7) latte: qui troviamo come testimonial d’eccezione Poppea, la moglie dell’imperatore romano Nerone. Aiuta il ricambio cellulare, funziona da esfoliante naturale, ha azione lenitiva, è ricco di vitamine e minerali per rallentare l’invecchiamento della pelle e vi lascia la pelle morbida ed elastica. Basta aggiungere una tazza di latte inero nell’acqua del bagno. Potete usarlo in combinazione anche col miele naturale

8) alghe: riducono lo stress, aiutano in caso di acne, eczemi e psoriasi, allevia i dolori muscolari, aiutano in caso di artrosi e reumatismi, tonifica il corpo ed eliminano le tossine dal corpo. Se non vi fa senso, mettete alghe in infusione nella vasca da bagno. Ovviamente non vanno bene tutti i tipi di alghe, chiedete al vostro erborista quali utilizzare e quali ha a disposizione

9) aceto di mele: utile contro le scottature, i funghi e le infezioni batteriche cutanee, offre sollievo anche in caso di gotta, artrosi e infiammazione. Inoltre ha azione disintossicante ed è ricco di vitamina C e vitamine del gruppo B. Basta aggiungere al bagno una tazza di aceto di mele, ma ricordatevi di sciacquarvi con acqua fredda dopo il bagno per rimuovere i residui

10) farina d’avena: non solo per colazione, va bene anche nel bagno. Aiuta soprattutto in caso di prurito e pelle secca. Non buttate direttamente la farina d’avena nel bagno se no avrete la più gigantesca tazza da colazione del mondo. Dovete mettere la farina d’avena in una garza e poi metterla sotto il getto dell’acqua calda

Foto: Flickr

di Laura Seri