5 errori che causano i peli incarniti

 

I peli incarniti sono davvero odiosi e anti estetici e, soprattutto, rendono la pelle ruvida anche dopo la depilazione.
Quello che non tutte voi sanno è che le nostre azioni spesso e volentieri ne determinano la comparsa.

Ecco, dunque, tutto quello che dovete sapere per evitare che si formino i peli incarniti.

1- Rimuoverli con pinzette non sterili o con le unghie

Provare a rimuovere peli incarniti scavando e grattando la pelle con le pinzette o peggio ancora con le unghie, può causare infezioni. Sarebbe meglio utilizzare un batuffolo imbevuto di alcool e pinzette sterili per eliminare i peli che si trovano appena sotto la superficie della pelle.

2- Indossare abiti troppo stretti

Indumenti stretti e tessuti sintetici, come leggings in nylon, jeans skinny e biancheria intima poliestere possono facilitare la formazione dei peli incarniti. È meglio indossare indumenti di cotone traspiranti e che non sfregano contro la pelle.

3- Utilizzare il rasoio

L’utilizzo del rasoio, soprattutto quando non si cambia troppo spesso, può irritare la pelle e favorire la formazione di peli incarniti. La ceretta rimane il metodo di depilazione migliore in assoluto.

4- Non seguire il verso del pelo

Molto spesso quando si fa la ceretta non si bada al verso del pelo e si esegue lo strappo sempre nello stesso modo. Al contrario è importante individuare il verso del pelo prima di strapparlo, altrimenti si favorisce la formazione del pelo incarnito.

5- Non esfoliare la pelle dopo la depilazione

48 ore dopo la depilazione si dovrebbe sempre esfoliare la pelle per renderla più liscia e morbida e chiudere i pori della pelle con una crema nutriente. Non farlo determina maggiormente la formazione dei peli incarniti

di Eliana Avolio