5 step per una pedicure perfetta

 

La bella stagione è arrivata: siamo pronte a sfoggiare i sandali?
Sedersi in un centro estetico e farsi fare una pedicure potrebbe essere un modo per concedersi delle coccole, ma se volete avere piedi splendidi, potete ottenere lo stesso risultato anche nella vostra spa casalinga.
Ecco i 5 step fondamentali del “Fai da Te” che dovete mettere in pratica per avere piedi belli e morbidi.

1- Fate un pediluvio

pedicure
Pediluvio con acqua calda, sale e oli essenziali

Per prima cosa è necessario mettere i piedi in ammollo per 15-20 minuti in una bacinella con acqua calda e in aggiunta:

– due cucchiai di sale grosso che, oltre all’effetto drenante, regalano un leggero massaggio alla pianta dei piedi;
– due cucchiai di bicarbonato. Per un effetto antibatterico e rinfrescante usate 9 gocce di olio essenziale di menta, arancia o bergamotto.

2- Preparate uno scrub

Subito dopo aver tenuto i piedi in ammollo, rimuovete la pelle morta e levigate i piedi, soprattutto sotto i talloni e gli alluci, utilizzando una pietra pomice.
Completate poi il processo di ammorbidimento dei piedi con uno scrub delicato, ottenuto mischiando:

– 3 cucchiai di sale fino
– 1 cucchiaio di miele
– 1 cucchiaino di olio di mandorle
– il succo di mezzo limone.

3- Idratate e massaggiate

visitare-i-piedi
Idratate e massaggiate i vostri piedi

Successivamente nutrite i vostri piedi con un olio idratante, come quello di riso che riduce la comparsa di calli e duroni; applicatelo sui piedi e massaggiate per qualche minuto fino ad assorbimento.

4- Tagliate e limate le unghie

Tagliate le unghie e passate la lima per eliminare eventuali scheggiature. Spingete le pellicine per preparare l’unghia all’ultimo step che prevede l’applicazione dello smalto.

5- Applicate lo smalto

pedicure1
Applicate lo smalto

A questo punto non vi resta che scegliere il colore che più vi piace e applicarlo sulle unghie facendo attenzione a non sbavare.
Tenete a portata di mano un cotton-fioc imbevuto di acetone per riparare eventuali imperfezioni.

 

di Eliana Avolio