Antiginnastica: una nuova via per liberare il corpo

 

Molti, lo so, verranno attratti già dal nome: antiginnastica. Insomma questa nuova moda nella nostra testa sembra essere qualcosa che si oppone a quello che odiamo fare: ginnastica! Quanti vorrebbero sentirsi meglio facendo qualcosa di opposto alla ginnastica che costa fatica?

Scopriamo l'antiginnastica
La nuova disciplina dell’antiginnastica

L’antiginnastica in realtà è una disciplina che si propone il benessere del corpo seguendo una vera e propria filosofia elaborata negli anni ’70 dall’autrice del libro “Le corps a ses raisons” Thérèse Bertheratin (in Italia conosciuto come “Guarire con l’antiginnastica”).

Questa disciplina si baserebbe sull’ascolto del corpo associato a movimenti semplici che tendono a sollecitare i muscoli. L’esercizio attraverso l’antiginnastica permetterebbe di ritrovare benessere fisico, migliorare la flessibilità, liberare il respiro e allontanare lo stress.

Secondo la Bertheratin il corpo è un organismo intelligente che non ha bisogno di essere sottoposto ad addestramento per essere domato. Differentemente dall’idea comune di sudare per ottenere risultati, la studiosa francese è convinta che la prima azione da fare sia quella di guardare il nostro corpo e capire come è fatto e come funziona.

Scopriamo l'antiginnastica
Scopriamo l’antiginnastica

La lezione di antiginnastica prevede di prendere una determinata posizione che dovrebbe corrispondere “all’integrità anatomica”. Per raggiungere questa posizione il corpo in qualche modo si tira, si contorce e questo perchè i muscoli sono contratti da un’ eccessiva presenza di forza.

Nella seconda parte della lezione si lavora in gruppo con una serie di piccoli attrezzi e si agisce sui nodi muscolari. Ignoriamo dove si debba agire per far muovere alcuni muscoli, attraverso alcuni esercizi si va piano piano sciogliendo la matassa muscolare e questo lentamente porta ad un miglioramento del tono muscolare stesso e della mobilità.

Addio quindi a stress, contratture, dolori muscolari. Che dite…vale la pena provare?

di Agnese.C