Avete sempre sonno? Usate la scala di sonnolenza di Epworth

Durante il giorno capita a tutti di avere sonno, di soffrire di quella che viene considerata come sonnolenza diurna. Ma un conto è fare un pisolino dopo pranzo, che recenti studi scientifici hanno dimostrato essere efficaci per la nostra salute e per la produttività, un altro è dover fare sempre i conti con un’eccessiva sonnolenza che ci prende di giorno: alzi la mano chi si addormenta ovunque, anche quando non è il caso. Cosa fare?

Lo sapevate che esiste uno strumento medico utile per capire se soffrite di eccessiva sonnolenza diurna? E’ la scala di sonnolenza di Epworth, un test semplice e di facile attuazione che ci permette di capire di quali disturbi del sonno soffriamo, come narcolessia o apnea notturna, i più comuni.

Il test si compone di una sola domanda: Che probabilità hai di appisolarti o di addormentarti nelle seguenti situazioni? Scegliete un punteggio tra 0 e 3 per ogni situazione qui sotto riprodotta.
0: non mi addormento mai
1: ho qualche probabilità di addormentarmi
2: ho una discreta probabilità di addormentarmi
3: ho un’alta probabilità di addormentarmi

Le situazioni elencate sono 8:
– Seduto mentre leggo
– Guardando la televisione
– Seduto, inattivo, in un luogo pubblico (teatro, cinema, chiesa, conferenze)
– Come passeggero in un viaggio in automobile per un’ora
– Sdraiato a riposare nel pomeriggio
– Seduto mentre parlo con qualcuno
– Seduto dopo pranzo, anche senza aver bevuto alcool
– Mentre guido l’auto, quando mi fermo per alcuni minuti nel traffico

Il punteggio può andare da 0 a 24, più alto è il risultato, più possiamo soffrire di eccessiva sonnolenza diurna: la media per gli adulti è di 6.

Se, dopo aver fatto questo test, notiamo che il risultato è troppo alto, chiediamo consiglio al medico di base!

di Redazione