Cancro al seno, responsabili anche le tinture per capelli?

Le tinture per capelli non sarebbero innocue? Un recente studio pone l’allarme sull’abitudine delle donne, spesso o di tanto in tanto, di cambiare il colore dei capelli, con tinture fai da te o più professionali dal parrucchiere: secondo una ricerca americana, pubblicata sulla rivista Carcinogenesis, infatti, potrebbe esserci una relazione tra le tinture per i capelli, ma anche i prodotti liscianti, i balsami con colesterolo e placenta e il tumore al seno.

La ricerca americana ha dimostrato che potrebbe esserci una correlazione tra le tinture per capelli e un rischio maggiore di andare incontro al tumore al seno, perché i prodotti conterrebbero al loro interno delle sostanze in grado di interagire con il corretto funzionamento dell’organismo.

Le tinture per capelli, usate dai parrucchieri di tutto il mondo, sono di solito a base di diverse sostante chimiche e ammoniaca: gli studiosi statunitensi hanno voluto capire se questi ingredienti potessero avere una ripercussione sul nostro organismo.

Sono stati fatti dei test su 4mila donne bianche e afroamericane, alcune affette da tumore, altre sane. Tra le donne di colore il rischio di tumore al seno sarebbe aumentato del 51% dopo l’uso regolare di tinture per capelli, mentre nelle donne bianche la percentuale sarebbe del 74%.

I prodotti per tingere i capelli potrebbero contenere sostanze potenzialmente cancerogene, come ad esempio le ammine aromatiche, che potrebbero favorire l’insorgenza del tumore.

Una ricerca davvero importante che andrebbe approfondita, per capire cosa è meglio usare per la nostra bellezza, per evitare di mettere a rischio la nostra salute.

di Redazione