Chi passa troppo tempo alla scrivania può invecchiare precocemente

 

Chi lavora al computer, trascorre moltissime ore al giorno davanti a uno schermo: i rischi per la salute dei nostri occhi sono molti, a causa della luminosità di tablet, smartphone e pc, senza dimenticare che uno stile di vita sedentario non fa assolutamente bene al nostro organismo. Recenti studi hanno scoperto che trascorrere tanto tempo davanti a un apparecchio elettronico potrebbe essere dannoso anche per la pelle e per il tono del viso. Il digital aging, l’invecchiamento precoce della pelle, si può però combattere.

Il digital aging colpisce chi sta troppo al pc
Il digital aging colpisce chi sta troppo al pc

Giorgio Astolfi, medico cofondatore del CDM – Centro di Dermatologia Integrata e Medicina Estetica di Milano, spiega:

Se una volta inestetismi quali rughe, doppio mento e mancanza di tono della pelle erano appannaggio solo di persone di età avanzata, oggi sono un problema anche delle persone più giovani che trascorrono troppo tempo al computer”.

Il digital aging, l’invecchiamento precoce della pelle è causato dalla disidratazione, provocata dalle onde elettromagnetiche emesse da computer e apparecchi simili. Si tratta di uno stress ossidativo, al quale dobbiamo rispondere con soluzioni mirate:

– Bevete molta acqua
– Seguete una dieta ricca di alimentari idratanti come frutta e verdura e alimenti ricchi di omega 3, omega 6 e omega 9, come pesce, cereali e frutta oleosa
– Usate ogni giorno un siero antiossidante sotto la crema idratante da giorio e da notte
– Se il problema è già evidente, si può optare per un peeling superficiale per favorire il ricambio cellulare, insieme a micro iniezioni biorivitalizzanti a base di acido ialuronico associato ad aminoacidi, vitamine e oligoelementi
– Usate sgabelli ergonomici e una piccola pedata sotto i piedi per favorire la circolazione
– Staccate frequentemente gli occhi dal computer
– Fate delle pause per camminare un po’

di Redazione