Come fare le unghie a stiletto

Prima anche solo di cominciare a pensare di fare le unghie a stiletto (dal nome del pugnale), fermatevi un attimo: se avete le unghie fragili che si spezzano facilmente non provateci, non otterreste nessun risultato, solo tanta frustrazione. Cercate prima di irrobustire le unghie e poi si procede con le unghie a punta o a stiletto. Sono una tipologia di unghie che piacciono parecchio negli Stati Uniti, capaci di dare una forma molto affusolata alla mano. Questa nail trend è partita dall’Europa dell’Est, ma si è affermata prima negli Usa che da noi.

L'aspetto finale delle unghie a stiletto deve essere questo
L’aspetto finale delle unghie a stiletto deve essere questo

Avete le unghie robuste? Prima di partire, altre due considerazioni. Non sono proprio facilissime da fare, ci va un po’ di esperienza e non sono pratiche. Se fate dei lavori manuali, evitate le unghie a stiletto.

Siete decise a provarci? Munitevi allora di una lima abbastanza dura. Dovete limare i lati dell’unghia, quindi dovete averla fatta crescere abbastanza: cercate di creare una punta affusolata. Limate un po’ a destra e un po’ a sinistra, siate simmetriche. Se limate prima tutto il lato destro e poi tutto il lato sinistro rischiate di non fare un lavoro elegante e preciso. Questo lavoro durerà abbastanza a lungo, dipende da quanto è lunga l’unghia.

Una volta che vi sarete impratichite nel dare all’unghia una forma a stiletto simmetrica e precisa, potrete provare le varianti: a picca, bridge, edge… tutto sta nel seguire il vostro gusto. Inoltre come unghie sono già particolari di loro, non hanno bisogno di ulteriori abbellimenti oltre allo smalto.

Se non ce la fate ad essere simmetriche, piuttosto che creare delle unghie dall’aspetto strano, esistono delle tips da farvi applicare dalla vostra esperta di nail art.

Foto: InstagramInstagramInstagramInstagramInstagram

di Laura Seri