Come lo stress influenza il nostro corpo

 

“Lo stress è come una spezia: nella giusta proporzione esalta il sapore di un piatto. Troppo poca produce un blando noioso pasto; troppa può soffocarlo” (Donald Tubesing).
Possiamo definire lo stress come uno stato comune dell’essere umano che consiste nell’azione di fattori esterni che stimolano in maniera spesso estrema il nostro organismo, in primo luogo a livello del sistema nervoso centrale.
In sintesi qualsiasi evento che ci accade causa una reazione da parte del cervello: le reazioni particolarmente intense si dicono stress.

E’ importante sapere però che esistono due forme di stress: uno stress buono causato da eventi che percepiamo come positivi, tipo la nascita di un figlio, la partecipazione a eventi sportivi impegnativi e anche le emozioni che si provano quando veniamo premiati per qualcosa, e uno stress cattivo come le malattie gravi, i lutti e tutte quelle situazioni che percepiamo come fortemente dannose per la nostra persona.

stress-e-corpo
Situazioni di stress quotidiano

Oggi lo stress è considerato la malattia della società moderna, frutto di una vita frenetica in un mondo che cambia in continuazione, tanto che ormai se ne parla come di una vera e propria patologia con gravi conseguenze sia sulla salute fisica che mentale.

E’ poi errata la convinzione che le persone con un impiego più di rilievo, più impegno e con responsabilità risultino per forza di cose più stressate di chi, al contrario, svolge lavori più “semplici”.

Lo stress infatti è direttamente legato all’ambiente in cui viviamo, alla nostra cultura e al modo personale con cui assorbiamo le situazioni esterne a noi.

stress-e-corpo
Quando ci sentiamo stressati e stiamo male

In sintesi tutto ciò che ci crea disagio ha effetti sui nostri organi interni, sui tessuti, sulla pelle, su muscoli e sulle ghiandole endocrine e questo perché il nostro corpo è disseminato di ricettori che sono in grado di memorizzare le percezioni emotive.

Tutte le sensazioni che proviamo vengono poi “trasformate in chimica“, in funzionalità fisiologica e in atteggiamenti corporei.

Oltre allo stress in senso stretto, se consideriamo “fonte di stress” le sensazioni e gli stati d’animo per noi negativi, possiamo addirittura stilare precisamente tutte le conseguenze nonché “deformazioni” che il nostro corpo subisce proprio in base all’emozione provata.

PAURA

Una classica patologia della paura sono le ernie del tratto cervicale, poiché lo stato di paura porta a una continua contrazione del trapezio rendendo quasi bloccata la mobilità cervicale. La contrazione della cassa toracica a seguito della chiusura delle spalle riduce notevolmente l’ossigenazione e crea un’immagine posturale piegata su se stessa.

stress-e-corpo
Ecco i segnali del nostro corpo

RABBIA

Se ci sentiamo rigidi in particolar modo sul collo e sulla testa sappiamo a chi dare la principale colpa: il corpo in questi casi muovendosi in qualche modo scarica lo stress e la tensione, ma purtroppo risulta bloccato dalla testa e dal collo che nel continuo contrarsi si gonfiano fino a voler esplodere, creando nel corpo due forze contrastanti molto debilitanti.

DEPRESSIONE

Le spalle sono curve, le braccia penzolanti, il collo piegato, il torace chiuso, le gambe si trascinano: questi i segnali del corpo quando siamo in uno stato di depressione quasi come se ogni parte di noi fosse scollegata e non ricevesse segnali dalle altre.

ANSIA

Quando viviamo stati di ansia, tutto il corpo si contrae, si irrigidiscono il collo e le spalle, si creano spasmi a livello addominale e le gambe possono assumere un sensazione di legnosità e ancora il viso è quasi sempre contratto.

stress-e-corpo
I sintomi delle stress

Diretta conseguenza di questi accadimenti sono le infiammazioni che possono generare anche dolori importanti come ernie ed emicranie.

A rendere più complesse le cose sono poi le nostre esperienze di vita, il nostro bagaglio genetico, la nostra struttura mentale che ci rendono tutti diversi facendoci rispondere allo stress in modo differente.

Sono considerati sintomi dello stress: stanchezza generale, tachicardia, difficoltà di concentrazione, attacchi di panico, crisi di pianto, confusione mentale, senso di depressione e frustrazione, disturbi del sonno, dolori muscolari, ulcera, crampi, diarrea, colite, abbassamento delle difese immunitarie, ipertensione, cefalea.

Se tutte queste situazioni e stati di salute fisica rappresentano il modo di comunicare che il corpo ha con noi cercando di farci sapere che non stiamo bene, sicuramente esistono dei metodi per comprenderli bene e per trovare delle soluzioni per bloccare i sintomi e alla radice le cause di stress.

stress-e-corpo
Pulire la mente e prenderci il nostro tempo

Cosa possiamo fare per combattere lo stress

Esistono dei piccoli quanto fondamentali accorgimenti che riducono lo stress e ci aiutano a dare un senso differente alla nostra esistenza: pensare positivo, comunicare con gli altri in modo sereno, gratificarci in qualche modo cercando cosi di prenderci cura di noi stessi e imparare a gestire il tempo a nostra disposizione.

In un’unica frase, dobbiamo “imparare a volerci bene” ascoltandoci e riflettendo sugli stati d’animo che viviamo e che se persistono per troppo tempo saranno sicuramente causa di malattia.

 

di Cristina Saglietti