Come non spellarsi dopo l’abbronzatura

 

La desquamazione cutanea è un problema classico e ricorrente dopo l’abbronzatura. Purtroppo il sole, soprattutto se preso senza le doverose misure di sicurezza, e quindi con protezione solare elevata ed evitando l’esposizione nei momenti più caldi, tende a disidratare la pelle in profondità. Reagisce indurendo lo strato corneo e si desquama, ovvero si spella; il ricambio cellulare dello strato sottostante elimina le vecchie cellule e spinge verso l’alto nuovi tessuti. È quindi un processo fisiologico e necessario.

Non possiamo evitare la desquamazione, ma possiamo fare in modo che sia limitata. Come? Intanto con un po’ di precauzioni. Come accennato, le regole fondamentali sono: prendere il sole gradualmente, usare un filtro solare elevato (almeno +30), bere molto acqua, mangiare sano e poi applicare sempre una buona crema idratante per riequilibrare alla fine della giornata il film idrolipidico. A questo punto dell’estate, quello che è stato è stato. Potete conservare i nostri consigli se siete in partenza o per l’anno prossimo. Cerchiamo quindi di conservare il colorito almeno per gran parte di settembre.

Rimedi contro la spellatura

Per evitare di sembrare un serpente che perde la pelle, ci sono una serie di rimedi da seguire con meticolosa attenzione.

Scrub: questo è il rimedio più importante che abbiamo a disposizione. Serve per rimuovere le cellule morte e soprattutto per evitare spiacevoli macchie cutanee: non vogliamo sembrare un dalmata o dare l’impressione di avere difficoltà a lavarci quotidianamente? Ci sono tantissimi prodotti da sfruttare, altrimenti potete fare un’esfoliazione casalinga a base di polvere di bicarbonato di sodio seguita, se possibile, da un bagno in acqua tiepida e amido di riso, o da una doccia tiepida.

Rimuovere le cellule morte

Utilizzate un detergente molto idratante: Per lavarvi usate detergenti grassi o bagno schiuma nutrienti, come quelli a base di burro di karité perché riescono a mantenere più a lungo l’abbronzatura. Meglio, invece, evitare le creme idratanti che contengono paraffina e oli minerali.

cura pelle
Sfruttare Trattamenti cosmetici umettanti

Trattamenti cosmetici umettanti: sono dei prodotti in grado di aumentare la ritenzione idrica. Si usano anche per la pelle secca e possono essere d’aiuto in questa fase, in cui la cute tende a perdere acqua ed elasticità. I principi attivi umettanti e gelificanti sono, per esempio, l’acido ialuronico, il collagene idrolizzato, le mucillagini, presenti negli estratti di malva, aloe vera, altea, tiglio e le proteine della seta. Banalmente un gel all’aloe vera, applicato sul corpo tutte le sere, potrebbe fare un piccolo miracolo.

prudere
Mai grattarsi

Piccoli gesti per evitare la desquamazione cutanea

Non ci sono solo creme e rimedi naturali, a volte è sufficiente fare attenzione ad alcune abitudini, che possono accelerare il processo di desquamazione. Evitate dunque di:
– Indossare abiti attillati, meglio se larghi che non strofinino sulla pelle.
– Scoppiare le vesciche, se presenti. Le vesciche servono alla pelle per idratarsi, lasciatele quindi scoppiare da sole;
– Utilizzare deodoranti aggressivi e cosmetici contenenti bergamotto.
– Grattarsi, potreste provocare delle infezioni: purtroppo la pelle secca tende a tirare e può causare una fastidiosa sensazione di prurito.
– Lavarsi con acqua molto calda: il calore disidrata la cute e di conseguenza accelera la desquamazione. Meglio scegliere sempre una temperatura moderata.
– Usare abiti scuri. La spellatura ha un effetto “forfora sui vestiti”. Meglio quindi privilegiare i colori chiari, che mitigano meglio l’eventuale inestetismo.

 

Foto Crediti: beyondskinocala.com; health-tuneup.com; www.parenting.com

 

 

di Mariposa