Come si fa a pulire e disinfettare i piercing?

I piercing sono sempre più di moda, però bisogna saper gestirli bene, sia appena fatti che sul lungo periodo. E mi riferisco al fatto di tenerli puliti e disinfettati. Appena fatto, bisogna evitare di giocarci continuamente (anche dopo in realtà), evitare indumenti troppo stretti e controllare che non ci sia dolore, prurito, gonfiore o arrossamenti anomali: in questo caso potrebbe esserci un’infezione ed è quindi bene rivolgersi a un medico. Parlando di disinfettare il piercing, bisogna sempre lavarsi prima le mani con un sapone antibatterico.

Per un piercing all’ombelico si può disinfettarlo o con i normali disinfettanti non alcolici o con una soluzione di acqua distillata tiepida e sale. Inoltre ricordatevi che, appena fatto, il piercing all’ombelico va protetto dall’acqua quando vi fate la doccia e quindi bisogna usare un sapone antibatterico, evitando anche di esporsi al sole, andare in piscina e fare i bagni in mare.

Collutorio per disinfettare i piercing in bocca
Collutorio per disinfettare i piercing in bocca

I piercing alle orecchie vanno disinfettati o con la solita soluzione salina o con le apposite pomate cicatrizzanti. Bisogna anche togliere delicatamente eventuali croste.

Se il piercing è in bocca, bisogna disinfettare la bocca con gli appositi colluttori dopo i pasti e prima di andare a dormire, mentre la porzione esterna del piercing può essere pulita con acqua e sale.

Per i piercing al naso, bisogna disinfettare sia l’esterno che l’interno con la soluzione salina aiutandosi con un cotton fioc.

E quando vogliamo usare un piercing nuovo? Dipende dal materiale, ma si può o bollirlo in acqua per un quarto d’ora o disinfettarlo con appositi disinfettanti.

Per pulirlo, si possono usare sempre le soluzioni saline o detergenti delicati, senza esagerare. Per la soluzione salina si possono usare anche dei flaconi pressurizzati e bisogna assicurarsi che la soluzione entri bene nel piercing e che non pulisca solo l’esterno. Meglio evitare, invece, acqua ossigenata e alcol.

Foto: WikimediaWikimedia

di Laura Seri