Cosa mangiare e cosa non mangiare in caso di sbornia

Ieri sera abbiamo fatto festa, abbiamo riso e scherzato con le amiche o siamo uscite per una serata spensierata con il partner… E magari abbiamo alzato un po’ il gomito. Non c’è niente di male, a patto che non sia una costante della nostra vita, ma ogni tanto bere un po’ di più ci può stare. Il problema non è alzare il gomito la sera prima. Il problema è il risveglio il giorno dopo: i postumi della sbornia sono terrificanti, ma niente paura, perché l’alimentazione viene in nostro soccorso: ecco cosa dobbiamo mangiare e cosa dobbiamo evitare!

Cosa mangiare in caso di sbornia

Acqua, la prima cosa da bere al mattino, perché l’alcol ci disidrata e solo l’acqua può aiutarci a stare meglio.

Sport drink, acqua di cocco… Sono alternative valide, per ripristinare i liquidi e i sali minerali che magari abbiamo perso.

Té allo zenzero o alla menta, un toccasana da provare per ridurre stanchezza e nausea.

Succhi di frutta, per ricominciare a sentirci meglio, grazie al fruttosio che ci dà energie.

Caffè, è sempre un toccasana, a patto di non abusarne.

Uova, per colazione sono perfette per prevenire disturbi a carico del fegato.

Banane e verdure a foglia verde, efficaci perché contengono potassio e altri nutrienti importanti per stare meglio dopo una sbornia.

Brodo di pollo, lo dicevano anche le nonne!

Zuppa di miso, un piatto giapponese che è un rimedio perfetto per la sbornia. Aiuta anche la digestione.

Cracker o toast con miele, carboidrati che aiutano a rimettere in sesto lo stomaco. E il miele ci dà energia.

Avena, un super food con il quale iniziare al mattino per un carico di vitamina A, calciu, magnesio e ferro.

Cosa non mangiare in caso di sbornia

Cibi grassi, fanno davvero male perché irritano lo stomaco, ma sono perfetti per prvenire la sbornia.

Alcolici… Non è vero che bere alcolici dopo una sbornia anniente i suoi sintomi, anzi…

Succo d’arancia, perché è troppo acido e potrebbe irritare ancora di più il nostro stomaco.

di Redazione