Dieta dello shock metabolico

Per i body builder niente di nuovo, per il tuo regime alimentare uno shock direttamente proporzionale alla sorpresa di assistere al nuovo peso indicato dalla bilancia. Talvolta un’alimentazione sana ed equilibrata e una costante attività fisica non bastano per riuscire a scolpire il proprio fisico e ammirarne i cambiamenti.

Ma è quando il gioco si fa duro che i duri cominciano a giocare e mettere a punto sofisticati stratagemmi per dare un’accelerata al metabolismo e definire il corpo.

Il metabolismo lento è la chiave di volta per capire perché molti non riescono a mantenere un peso forma ideale, lo scopo della nostra dieta dev’essere infatti bruciare le calorie velocemente e soddisfare il nostro fabbisogno giornaliero.

pollo
Caesar salad: l’insalata internazionale

1- Aumentare le proteine

Aumentare le proteine, all’interno della propria dieta, è la prima regola da seguire per perdere peso velocemente, smaltendo tutta la massa grassa, ma preservando la massa muscolare.

Fondamentale è scegliere proteine di qualità, vale a dire quegli alimenti con alti livelli di aminoacidi, come la carne, il pesce e le uova.

Gli aminoacidi sono importanti per la sintesi delle proteine, oltre che per il funzionamento generale dell’organismo, alcuni di essi, definiti “essenziali”, non vengono naturalmente prodotti dal corpo umano, pertanto è fondamentale introdurli attraverso l’alimentazione.

  • Uova : le uova sono una fonte ricchissima di amminoacidi essenziali (lisina, isoleucina, triptofano) e proteine, oltre a contenere pochissime calorie. Sono uno degli alimenti più completi, da un punto di vista nutrizionale, per mantenere la linea costruendo la massa muscolare.
  • Pesce: Salmone, sgombro, aringhe, tonno e sardine sono ricchi di amminoacidi essenziali oltre che di acidi grassi e omega 3. Questi ultimi aiutano il corpo a produrre leptina, un ormone che oltre a reprimere l’appetito migliora il metabolismo.
  • Petto di pollo: il petto di pollo è una fonte ricchissima di amminoacidi essenziali.

La carne bianca possiede tutti i vantaggi delle proteine nobili di origine animale, senza le controindicazioni della carne rossa, di lunga digestione, più grassa e causa di colesterolo.

Nota bene: per carne bianca non s’intende soltanto quella da pollame, ma quella degli animali giovani, come vitello, maiale, pesci e coniglio ma per la nostra dieta è utile alternare il pollo e il tacchino al pesce. La carne bianca inoltre ha una sequenza di amminoacidi che consente il miglior assorbimento intestinale, oltre a preservare i tessuti muscolari in fase di dimagrimento.

Frutta secca: l’effetto più visibile della frutta secca è l’elevato potere saziante, grazie alle fibre che contiene. Inoltre è stato dimostrato come due porzioni, di circa 30 grammi l’una (5 noci all’incirca), facciano abbassare il colesterolo totale e aumentare i livelli di quello buono, mentre l’acido folico e la vitamina B6 contribuiscono al normale metabolismo energetico.

salmone
Chi ha detto che mantenere la forma fisica vuol dire rinunciare al gusto?

2- Ridurre notevolmente i carboidrati

Zuccheri e carboidrati sono gli alimenti che più stimolano la secrezione d’insulina (l’ormone responsabile della conservazione dei grassi nel corpo).

Tenere a bada i livelli di quest’ultima è fondamentale per i seguenti motivi:

  • I grassi, quando si abbassa il livello d’insulina, escono dai depositi e vengono bruciati al posto dei carboidrati
  • Abbassandosi il livello d’insulina i reni eliminano l’eccesso di sodio e acqua, riducendo il gonfiore e di conseguenza i chili di troppo legati alla ritenzione idrica.

Ridurre i carboidrati contribuisce a smorzare il senso di fame, contribuendo a dimagrire velocemente.

Chiaramente ridurre non vuol dire eliminare, ma abituarsi a porzioni ridotte (provate a mangiare in piatti piccoli: è statisticamente provato che si mangia meno usando piatti di piccole dimensioni) e carboidrati rigorosamente integrali, non raffinati.

Ad ogni pasto principale unire una porzione di grassi, proteine e verdure

La proteina, oltre a essere fondamentale per il mantenimento dei tessuti, è un nutriente che accelera il metabolismo e restituisce un senso di pienezza.

Unire le proteine ad un piatto abbondante di verdure non soltanto contribuisce all’integrazione di fibre, vitamine e minerali ma non farà sentire l’esigenza di consumare carboidrati.

verdure
Con le verdure non dobbiamo stare troppo attente alle quantità!

Non temete di consumare grassi: l’olio extravergine di oliva è un alimento polifunzionale, indispensabile per la salute.

I grassi che contiene possiedono un effetto anti insulina e sono necessari per l’assorbimento delle vitamine A,K, E, contenute nella frutta e nella verdura, liposolubili.

Ultimo e non in ordine d’importanza: migliora il metabolismo e non favorisce l’aumento di peso.

Inutile quindi rinunciare al gusto di un condimento tanto salutare, occorre solo prestare attenzione alle quantità, ricordando che eccedere equivale ad un sovraccarico calorico.

Bere tisane e tè

tè
Provate il finocchio per un effetto detox

Bere acqua lontano dai pasti migliora il metabolismo ma soprattutto regala un senso di sazietà. Proprio così: quella che crediamo fame spesso è solo disidratazione!

di marilu.briguglio