Equilibrio fisico ed emotivo grazie all’Ayurveda

Ogni autunno, quando l’aria diventa secca e le foglie lentamente cadono dai rami, tutto cambia: il cielo è più grigio, anzi la sensazione è che tutto acquisti queste tonalità più fredde. Il nostro benessere fisico e psichico ne viene assolutamente influenzato. Non basta la sola bellezza della natura in continua mutazione per distrarci da questi cambiamenti che ci interessano personalmente. Improvvisamente siamo colti da stati di ansia immotivati, preoccupazione e mancanza di sonno. Non possiamo continuare a giustificare tutto con il banale ‘cambio di stagione‘, perché in effetti grazie a una disciplina molto antica, tutto ciò può cambiare. In meglio.

ayurvedam_3
Il cibo è la medicina

L’Ayurveda e i Dosha ‘per principianti’

L’Ayurveda è una scienza olistica, che si concentra sull’equilibrio fisico ed emotivo dell’essere. Il significato del suo nome è ‘scienza o conoscenza della vita’ ed è nata circa 6.000 anni fa in India. Dei monaci cercavano nuovi modi di essere sani nel corpo: preservandolo da qualsiasi tipo di malattia, questo li avrebbe aiutati nella meditazione e nello sviluppo spirituale. Nell’Ayurveda ogni individuo è unico e per questo non esiste uno stile di vita o una dieta che si possa conformare a più persone. La prevenzione è la chiave di tutto: l’Ayurveda fornisce dei consigli e delle linee guida su come mantenersi in equilibrio fisico ed emotivo. Il cibo e lo stile di vita sono considerati la medicina più importante. Ovviamente, è tutto molto più complicato e approfondito di quello che abbiamo solo accennato.

meditation
Meditazione per benessere spirituale

L’Ayurveda si basa su tre tipi principali di costituzioni, chiamati Dosha. I Dosha sono le energie che costituiscono ogni individuo, che consentono a questo di avere determinate caratteristiche e espletare determinate funzioni fisiologiche: Vata, Pitta e Kapha. Ogni persona ha tutti e tre i Dosha, ma ce n’è uno (a volte due) predominante.

Scoprite qual è il vostro Dosha con questo video.

Come affrontare l’inverno grazie all’Ayurveda

Avete scoperto che Dosha siete? Vi rispecchiate caratterialmente e fisicamente? Per ogni Dosha ci sono dei consigli per preservare la propria salute ed essere sempre sani.

Vata. Mantenere abitudini regolari, provare a mangiare e dormire sempre agli stessi orari tutti i giorni. Riposare abbastanza e scegliere cibi caldi, cucinati, nutrienti e facili da digerire. Bacche dolci, frutta, fagioli piccoli, riso, tutti i tipi di noci e latticini sono ottime scelte alimentari. L’intensità dell’esercizio fisico deve essere moderata: yoga di tipo meditativo, Tai chi, camminare e nuotare sono le attività adatte. Evitare attività faticose e estenuanti.

Massage+Shoulder
Massaggio ayurvedico

Pitta. È molto importante per i Pitta mantenere una temperatura corporea bassa evitando esposizioni alla luce diretta del sole, cibi fritti e piccanti. Evitare alcol e tabacco, lavoro ed eccitazione eccessivi. Quando questo non viene rispettato, la persona diventa suscettibile ai sentimenti negativi, come l’ostilità, il disprezzo, l’intolleranza e la gelosia. Scegliere verdura fresca e frutta, alimenti contenenti acqua e dal sapore dolce, specie ciliegie, mango, cetrioli, anguria e avocado. Mangiare molta insalata con verdura a foglia come rucola, tarassaco e cavolo riccio. Evitare conflitti. Coltivare virtù quali l’onestà, moralità, gentilezza, generosità e auto-controllo.

warmfood
Cibi caldi per Vata e Kapha

Kapha. È importante essere attivi ogni giorno, perché i Kapha hanno una naturale tendenza alla pigrizia, depressione, e ad essere sovrappeso. Si raccomanda, a questo tipo di persone, di uscire fuori casa e attivarsi alla ricerca di nuove esperienze. Essere ricettivi ai cambiamenti, e consapevoli di fare qualcosa per migliorare la propria vita. Scegliere cibi leggeri, caldi, e speziati. Tè con zenzero e limone è un toccasana. Evitare grassi saturi e zuccheri raffinati, perché sono deleteri. Usare molte spezie come pepe nero, zenzero, cumino, peperoncino e molti vegetali verdi con gusto amaro.

di Michela Guida