I rimedi per la sindrome delle gambe senza riposo

Avete mai sentito parlare della Sindrome delle gambe senza riposo o RLS? E’ un disturbo che si manifesta con una voglia e un bisogno urgente di muovere le gambe, che si accompagnano a sensazioni non proprio piacevoli. Quando si muovono le gambe, il disturbo scompare e stiamo bene, ma in quel momento il fastidio potrebbe essere davvero molto grande. Quali sono i sintomi e quali i rimedi della Sindrome delle gambe senza riposo? Scopriamo insieme se ne soffrite e come correre ai ripari!

Il bisogno di muovere le gambe (a volte colpisce anche le braccia) si accompagna a crampi, è come se qualcosa strisciasse sulle gambe e le gambe tirassero. Altri sintomi sono prurito, formicolio, bruciore, dolore, scosse: di solito i sintomi si manifestano quando si è fermi e a riposo, quindi maggiormente di notte o quando è sera e ci rilassiamo un po’.

La sindrome delle gambe senza riposo può essere più o meno grave, a seconda dell’entità e della frequenza dei sintomi, del modo in cui il movimento allevia i sintomi, di quanto i sintomi disturbino il sonno: chi ne soffre, infatti, può avere disturbi del sonno anche molto gravi, con conseguenze che si ripercuotono durante il giorno, anche con sbalzi d’umore, problemi di salute e persino depressione.

Le cause della sindrome delle gambe senza riposo possono essere insufficienza renale, diabete, morbo di Parkinson, artrite reumatoide, gravidanza, carenza di ferro. Si tratta di patologie e disturbi che possono aumentare il rischio di soffrire di questa sindrome. Inoltre non sottovalutiamo i fattori genetici, che possono contribuire alla sua insorgenza.

Non esistono cure specifiche per la sindrome delle gambe senza riposo: se è provocata da un’altra malattia o un farmaco, si può guarire facilmente una volta interrotto il trattamento o curata la causa. Le terapie usate servono ad alleviare e prevenire i sintomi, a migliorare il sonno e a correggere tutti gli altri disturbi correlati.

I medici, per prevenire il disturbo, consigliano di evitare alcol e sigarette, di abusare di farmaci non strettamente necessari, di migliorare la qualità del sonno, di fare un’attività che occupi la mente prima di andare a dormire, di fare attività fisica, bagni caldi, massaggi.

di Redazione