I “trucchi” per allenare la memoria

 

Come possiamo allenare la nostra memoria? Sappiate che ci sono diversi “trucchi” che ci permettono di tenere in allenamento il nostro cervello, preservandolo così da disturbi che a lungo andare potrebbero mettere a rischio la sua salute. Il neurochirurgo Giulio Maira, che domani sarà protagonista del convegno dal titolo “I meccanismi della memoria. Quali sono, perché si deteriorano, come possiamo preservarli” della Fondazione Atena Onlus, spiega quali sono i segreti per un cervello in ottima salute.

Allenare la memoria con la tecnologia
Allenare la memoria con la tecnologia

Pare che la meditazione, la lettura, ma anche l’utilizzo di strumenti tecnologici come uno smartphone, possano essere degli ottimi rimedi, se accostati a uno stile di vita sano che prevede riposo, un’alimentazione equilibrata e leggera come la dieta mediterranea e un po’ di attività fisica. Trucchi da seguire soprattutto per chi non è più tanto giovane, perché una buona memoria garantisce anche uno stato di salute migliore.

Molto importante anche l’interazione sociale con altre persone, mentre lo stress potrebbe mettere a dura prova lo stato di salute del nostro cervello, che per rimanere in forma deve essere continuamente usato, stimolato e allenato:

Studi scientifici disponibili indicano che il miglior antidoto per contrastare efficacemente l’invecchiamento cerebrale sia quello di usare costantemente il muscolo-cervello, perché l’inattività lo indebolisce. Come la ginnastica fortifica i muscoli, così l’attività mentale rafforza il cervello. Fra i fattori che possono accelerare l’invecchiamento cerebrale c’è sicuramente quello di interrompere ogni attività perché in pensione o per la perdita di un coniuge. Ma al di là di eventi scatenanti specifici, a partire dai 30 anni il cervello comincia a perdere giornalmente un certo numero di neuroni“.

di Redazione