Perché gli uomini dormono meglio delle donne? È “colpa” di una proteina

 

I clichet sulle differenze tra donne e uomini sono ormai pane quotidiano e, nonostante ne sentiamo di tutti i colori, ogni volta pensarci è divertente e, con un po’ di consapevolezza, si riesce anche a capire che non sono poi così lontani dalla realtà. Secondo lo scrittore statunitense John Gray, infatti, tali differenze deriverebbero dall’appartenenza dei due generi umani a diversi pianeti: le donne a Venere, gli uomini a Marte.

ëTHE BREAK-UPí
Dal film “Ti odio, ti lascio, ti…”

La differenza maggiore? L’approccio generale alla vita: gli uomini sono più pragmatici, puntano maggiormente agli obiettivi ed esprimono poco i loro sentimenti. Noi donne ci basiamo proprio su questi ultimi e sulla comunicazione che ci permette di capire gli altri (e quando non ci riusciamo, cominciamo ad andare in crisi…). Siamo molto più teoriche e legate alle sensazioni.

Ma una differenza di cui si parla poco, e che invece sembra essere molto diffusa, sta nel modo di dormire o, meglio, nella quantità di ore di sonno. I marziani, infatti, riescono a dormire molte più ore delle venusiane e il motivo di questo “sleep gap” sarebbe la presenza o meno di una proteina. Si tratta della proteina di Taranis, che a quanto pare ha un ruolo fondamentale nel permetterci di goderci un sonno lungo e sereno. Cosa che noi donne spesso non riusciamo ad avere. Per qualcuno, infatti, il sonno è diventato addirittura una questione femminista e si ricollegherebbe a tutte le difficoltà che il “sesso debole” ha nel fare carriera.

Female lying on bed and closing her ears with pillow
Le donne avrebbero bisogno di dormire 20 minuti in più rispetto agli uomini

Innanzitutto, le donne avrebbero bisogno di dormire di più di notte (gli studi dicono almeno 20 minuti in più rispetto agli uomini), perché utilizzano il cervello di più durante il giorno, soprattutto chi, come le mamme lavoratrici, ha bisogno di essere multitasking. Ma questo non avviene, anzi, sono gli uomini ad avere un sonno tranquillo e costante, mentre è più facile che capiti a una donna di alzarsi di notte per uno spuntino notturno (vero…?). E’ certo che anche il ciclo influisca molto sulla difficoltà di dormire: le mestruazioni prima e la menopausa poi creano fluttuazioni ormonali che possono avere effetti negativi sul sonno.

Come riuscire a dormire meglio e più a lungo? Basta seguire delle semplici regole:

1- Fare sport la mattina, perché la sera potrebbe disturbare il sonno.
2- Spegnere ogni device elettronico o che emetta luce in modo da aumentare i valori di melatonina nel corpo, perché è uno stimolatore del sonno.
3- Tenere la camera ordinata può aiutare la mente e i sensi a rasserenarsi e rende più facile rilassarsi per la notte.

di Melania Rusciano