Perché quando siamo annoiati abbiamo anche sonno?

Quando siamo annoiati, quando non sappiamo cosa fare o quello che stiamo facendo non ci diverte ed entusiasma per niente, di solito siamo anche stanchi, assonnati, sogniamo un posto dove poterci appoggiare in tutta tranquillità per poter schiacciare finalmente un bel pisolino. Capita a tutti quanti e non vi preoccupate, siete in ottima compagnia. E ora la scienza ci dice anche perché ogni volta che proviamo un po’ di noia, ci verrebbe anche da addormentarci: non è colpa nostra, è colpa di una parte del nostro cervello. Ecco cosa fa.

Uno studio dei ricercatori dell’università giapponese di Tsukuba, guidati da Yo Oishi, e pubblicato sulla rivista Nature Communications spiega che proviamo sonno quando siamo annoiati perché l’area del cervello associata alla motivazione e al piacere provoca il sonno, non avendo altri stimoli per poter agire diversamente.

Yo Oishi, primo autore dello studio, spiega: “A regolare il sonno, negli esseri viventi con un sistema nervoso, non c’è solo il ciclo del giorno e della notte, ma anche altri fattori, come le emozioni e i pensieri“.

I ricercatori hanno analizzato l’attività cerebrale di volontari e di topi, perché capire perché la noia fa addormentare: hanno scoperto che quando una persona si addormenta, nell’organismo si accumula adenosina, uno dei mattoni del Dna che svolge un ruolo anche nella trasmissione di informazioni tra neuroni. Questa molecola funzionerebbe anche come segnale del sonno: anche piccole quantità fanno addormentare poco dopo i topi!

I ricercatori hanno poi cercato di capire come i neuroni rispondono a questa molecola, arrivando a individuare una particolare area del cervello, quella che è definita centro del piacere, che si attiva quando ci addormentiamo e l’adenosina opera nel nostro corpo. Spegnendo o attivando queste cellule del cervello, i topi stavano svegli o si addormentavano quando invece avrebbero dovuto fare l’opposto.

Inoltre, i topi rimasti in gabbie sole o prive di intrattenimento dormivano di più, mentre quelli che alloggiavano in gabbie con esemplari del sesso opposto, giochi e cioccolato dormivano molto meno!

di Redazione