E’ una cosa fastidiosissima: il prurito sotto le ascelle. Questa è una zona delicata, a causa del sudore e dell’attrito continuo,è facile che si sviluppino qui dermatiti e infezioni. Oltre all’arrossamento, uno dei sintomi principali è proprio il prurito: a furia di grattarsi, poi, la dermatite peggiora, si rischiano infezioni batteriche, formazione di vesciche e si ha anche dolore. Ci sono parecchie cause che possono portare ad una situazione del genere, fra di esse ricordiamo le allergie, intolleranze ai deodoranti, problemi di eccessiva sudorazione, l’uso di vestiti sintetici, igiene personale non perfetta, rasatura con mezzi non adatti o puliti, vestiti troppo stretti…

L'aloe aiuta in caso di prurito ascellare
L’aloe aiuta in caso di prurito ascellare

Inoltre ci possono anche essere infezioni batteriche, virali o fungine localizzate qui. Però ci sono dei rimedi naturali da mettere in pratica da abbinare alla terapia che vi avrà prescritto il vostro medico:

1) bicarbonato di sodio: è un vecchio rimedio della nonna. Si mescola una parte di bicarbonato e tre parti di acqua e si applica sulla zona arrossata che prude per un minuto, poi si sciacqua con abbondante acqua fredda (altrimenti i residui di bicarbonato provocano ulteriore irritazione)

2) aloe: ha azione antibatterica e antifungina. Si può usare sia la parte interna della foglia carnosa di aloe vera, sia gli appositi prodotti che trovate in erboristeria. L’alternativa è mescolare un pizzico di curcuma in un un  cucchiaio di gel di aloe e applicare per 30 minuti, prima di risciacquare con acqua fredda. Quest’ultimo sistema va fatto, però, per massimo due volte a settimana

3) tea tree oil: ha proprietà antisettiche e antimicotiche. Si mescolano 5 gocce di tea tree oil con un cucchiaio di olio di oliva, si applica per una decina di minuti e poi si sciacqua con acqua fredda. L’alternativa è applicare direttamente dell’olio di cocco sull’ascella o realizzare una soluzione con 4 cucchiai di olio di cocco e un cucchiaino di olio essenziale di lavanda

4) olio di Neem: ha azione antinfiammatoria, antivirale, antifungina e antibatterica. Potete usare le foglie facendole bollire in acqua per 20 minuti e poi applicarla una volta che si è raffreddata. ‘alternativa è mescolare 5 gocce di olio di Neem con acqua tiepida e applicare questa soluzione

5) burro di karitè: anche lui ha azione antinfiammatoria e antimicotica, oltre ad essere molto idratante. Si applica direttamente sulle lesioni dopo averle lavate

6) limone: qualcuno consiglia di strofinare delicatamente una fettina di limone sulle ascelle, ma se ci sono arrossamenti allora potrebbe bruciare. In questo caso diluite il succo di limone con acqua e poi applicatelo sulla parte. Se ancora così vi brucia, mettete due parti di succo di limone con una parte di miele e applicate per massimo 15 minuti, sciacquando poi sempre con acqua fredda. Si fa la stessa cosa con l’aceto di mele, sempre diluito in un bicchiere d’acqua, ma anche questo potrebbe bruciare

7) farina d’avena: nell’acqua del bagno mettete della farina d’avena e qualche goccia di olio essenziale a piacere, va bene anche la lavanda e poi immergetevi

Foto: Wikimedia

«