Quanto siamo dipendenti dagli smartphone? Le foto che lo svelano!

 

Quanto siamo diventati dipendenti dagli smartphone? Secondo una recente indagine del Pew Research Center tanto, anzi, troppo. Talmente tanto che è più facile vedere una persona intenta a guardare il proprio telefono cellulare che guardare quella stessa persona negli occhi quando la si incontra per strada. Una dipendenza che a volte sfocia nel patologico. Il fotografo Eric Pickersgill ha voluto dimostrarcelo con delle immagini davvero molto suggestive: i soggetti dei suoi scatti sono stati ripresi nella vita di tutti i giorni. In una fase successiva il fotografo ha rimosso dalle immagini tutti i dispositivi tecnologici.

dipendenza-smartphone1
Il progetto “Rimosso” di Eric Pickersgill

Il progetto si chiama “Rimosso” e nasce da un’esperienza reale del fotografo mentre era seduto al bar:

I membri della famiglia che si siede accanto a me all’Illium Caffetteria a Troy, NY sono così scollegati l’uno dall’altro. Non parlano quasi mai. Il padre e le due figlie guardano i loro telefoni. La mamma non ne ha uno, ma sceglie di metterlo via. Fissa fuori dalla finestra, triste e sola, in “compagnia” della sua famiglia vicino a lei (vicino fisicamente). Il padre guarda loro ogni tanto per annunciare qualche pezzo oscuro trovato on-line. Nessuno risponde. Sono addolorato per l’uso della tecnologia, questo non è mai accaduto prima e dubito che abbiamo scalfito la superficie dell’impatto sociale di questa nuova esperienza. La mamma ora ha tirato fuori il suo cellulare“.

dipendenza-smartphone2
Eric Pickersgill ha tolto i dispositivi hi tech da immagini tratte dalla vita quotidiana

Le sue immagini ci dimostrano come ogni momento della giornata sia scandito dalla tecnologia…

dipendenza-smartphone3
Il fotografo ci dimostra quanto siano ingombranti gli smartphone

… anche i più intimi o i più importanti…

dipendenza-smartphone4
E anche quanto sarebbe importante spegnerli e preferire parlare con chi abbiamo accanto!

Momenti nei quali sarebbe meglio parlarsi e guardarsi negli occhi, piuttosto che fissare uno schermo e non interagire con chi ci sta accanto!

di Redazione