Tendenze capelli, vince l’ob shag

 

A proposito di tendenze capelli, il re di questa stagione è decisamente l’ob shag. In parole povere è un bob, come caschetto dalle linee geometriche tipico dei mitici anni Sessanta, in versione shag, il taglio che cavalcò gli anni Settanta e Ottanta, scalatissimo e fresco. La parola deriva dalla combinazione di due termini inglesi: swing e shaggy, cioè oscillare e ispido. Praticamente? Un caschettino spettinato ad arte!

bff9ae7e3ce5f6c8e261f222404e9fd0
Osiamo!

Tutti i segreti dell’ob shag

Che sia liscissimo o curvy, con la frangia piena o ciuffi retrò style, l’ob shag incornicia il volto ed è un taglio medio che rappresenta il compromesso perfetto per uno stile rock ma sofisticato. Un doppio bob, insomma. Il carrè si reinventa su diverse lunghezze. “Splendido sempre, sia liscio che mosso. Tutto sparato a una tonalità allegra, giovanile, irresistibile”, spiega Salvo Filetti per Compagnia della Bellezza. 

A quale forma del viso è adatto?

Da Victoria Beckham a Cameron Diaz, l’ob shag sta bene praticamente a tutte! Da taglio passepartout, si adatta alla perfezione ai volti più spigolosi e magri, come a quelli più tondi e paffuti. Meno bene con quelli molto squadrati, perché finirebbe per enfatizzare ancora di più le geometrie del viso. Facilissimo da gestire da sole, è perfetto per le donne che vogliono uno stile pratico, ma nello stesso tempo fashion.

E di che colore lo facciamo?

Viva il colore, anche il più eccentrico e audace! Un taglio rock come l’ob shag deve rivoluzionare il bon ton del carrè anche in fatto di nuance. Chiaramente molto dipende dal colore delle propria pelle e dai gusti personali, ma largo ai toni scuri, intensi e di grande fascino. Spazio anche al biondo e al rosso.

Amatissimo dalle celebrities

L’ob shag ha conquistato molte icone del fashion system, dalla modella Edie Campbell che lo ama classico, ad Alexa Chung, la bellissima modella anglo-cinese che lo preferisce con la frangia un po’ laterale. Versione corta per Dakota Johnson e più lunga e glamour per Suki Waterhouse.

 

di Fabiana Pellegrino