Tenere allenato il corpo tiene allenata anche la memoria

Fare esercizio fisico fa bene al nostro corpo e alla nostra mente. Lo sanno tutti ormai, anche perché gli esperti ce lo ricordano ogni tre per due. Fa bene per rimanere in forma, per controllare il peso, la glicemia, il colesterolo, per prevenire malattie di varia natura, a patto di mangiare anche sano e dire addio a pessime abitudini di vita. Così come fa bene anche per l’umore, perché mentre ci alleniamo diciamo addio ad ansia, stress, problemi, dedichiamo un’ora al giorno solo a noi stessi. L’esercizio fisico fa bene al corpo, alla mente e, indovinate un po’? Anche alla memoria.

Una recente ricerca condotta dagli studiosi della McMaster University, in Canada, e pubblicata su Journal of Cognitive Neuroscience ha svelato che sei settimana di intensa attività fisica, con brevi sessioni nell’arco di 20 minuti, sarebbero in grado di migliorare in maniera significativa la nostra memoria ad alta interferenza, che ad esempio ci permette di capire se è la nostra auto di fianco a un’altra uguale.

Chi fa regolarmente attività fisica, in maniera costante, è anche in grado di ottenere un aumento del fattore neurotrofico cerebrale, una proteina che dà una mano nella crescita, nella funzionalità e nella sopravvivenza delle cellule cerebrali, azioni fondamentali per poter mantenere una mente in completa salute.

La ricerca è stata condotto su 95 adulti sani, che per sei settimane si sono allenati, alcuni hanno combinato all’esercizio fisico anche un training cerebrale, mentre altri sono rimasti sedentari. Chi ha fatto attività fisica, in entrambi i casi, ha notato un miglioramente delle prestazioni della memoria ad alta interferenza, che non è stata notata nel gruppo di controllo.

Adesso il passo successivo sarà valutare le stesse condizioni in un campione di anziani: “un’ipotesi è che si osserveranno maggiori benefici su di loro, dato che questo tipo di memoria diminuisce con l’età”.

Cosa aspettate allora? Allenatevi!

di Redazione