Vantaggi e svantaggi dell’usare lo shampoo colorante

Prima di usare uno shampoo colorante è bene sapere un paio di cose. Questo perché ci sono dei vantaggi e degli svantaggi da sottolineare prima di decidere di cambiare il colore ai capelli in questo modo. Lo shampoo colorante viene classificato fra le tinte semi permanenti in quanto permane sui capelli per un massimo di dieci settimane, poi va via. A differenza della tinta normale, non ha ammoniaca, quindi vuol dire che danneggia di meno i capelli perché penetra solo nella parte esterna dei capelli, ma per contro dura di meno rispetto alla tinta tradizionale.

Capelli azzurri con lo shampoo colorato?
Capelli azzurri con lo shampoo colorato?

Molte donne scelgono di provare ad usare uno shampoo colorante o perché non sono sicure della tinta che vogliono scegliere o perché hanno voglia di essere sbarazzine per qualche settimana e poi tornare alla normalità. O perché vogliono cambiare colore dei capelli ogni poche settimane.

Lo shampoo colorante è più leggero da sopportare per i capelli, non ha l’effetto ricrescita e, soprattutto, riesce a coprire bene anche i capelli bianchi.

Però ci sono anche degli svantaggi. Il primo è che essendo un semi permanente, se quel colore piace e lo si vuole mantenere, bisogna rifare il colore spesso. Poi il cloro della piscina è deleterio per lo shampoo colorante, quindi o non andate in piscina quando lo fate o ricordatevi di utilizzare una cuffia a tenuta stagna.

Lo shampoo colorante non va neanche d’accordo con i prodotti fortificanti per i capelli, questo a causa dell’alcol contenuto che ha lo stesso effetto del cloro sulla tinta.

Attenzione poi come sempre se soffrite di allergie, fate una prova in una piccola parte di capelli per vedere se avete reazioni allergiche e sarebbe meglio evitare di usarlo in gravidanza.

Foto: By Matt Cunnelly from Manchester, England – Maddy, CC BY 2.0, Link

di Laura Seri